CronacaTerritorio

Gli incendi stanno devastando la California: dichiarato lo stato d’emergenza

Condividi

L’intera California ha dichiarato lo stato d’emergenza a causa degli incendi che hanno colpito la regione nell’ultima settimana. Più di mille pompieri sono attualmente impiegati nelle operazioni di spegnimento, una mandria di capre ha salvato una biblioteca e l’attore John Cena ha donato mezzo milione di dollari per la causa.

L’incendio denominato Maria è solamente l’ultimo di una lunga serie che stanno devastando la California nelle ultime settimane. L’incendio Maria è scoppiato giovedì pomeriggio sulle South Mountain, vicino le comunità rurali di Santa Paula, Somics e Saticoy, e le fiamme hanno continuato nella giornata di venerdì.

Oltre mille pompieri stanno lavorando incessantemente per contrastare i roghi, servendosi anche di aerei che gettano agenti chimici che hanno lo scopo di ritardare le fiamme.

Incendi, la California dichiara lo stato di emergenza VIDEO

Il capo dei pompieri della contea di Ventura si ha spiegato che: “Ci sono progressi ma ancora un sacco di sfide. Non siamo ancora al sicuro, ci aspettano 24 ore critiche”. L’incendio ha già devastato 9000 acri nell’area, causando milioni di dollari di danni alle coltivazioni di avocado, arance e limoni. I residenti dell’area sono stati evacuati, dopo che le braci hanno raggiunto residenze e uffici.

L’area del Getty Center museum è stata colpita, e mentre si teme per la struttura, la polizia di Los Angeles è stata costretta a chiudere l’Interstate 405 di Nord Los Angeles, una delle strade più trafficate della contea. Più di mille pompieri sono impiegati attualmente per evitare che l’incendio continui ad alimentarsi, mettendo a rischio un’area dove sono presenti circa 10mila fra case e uffici. L’incendio è dovuto anche alla forte siccità che ha colpito la California negli ultimi mesi, dove non piove da 125 giorni.

Clima, invasione di tarantole giganti in California: “Colpa dei cambiamenti climatici”

L’incendio Maria non è l’unico che ha colpito la zona; l’incendio Kincade, sviluppatosi nel nord della regione ha messo a rischio l’area carbonizzando decine di migliaia di acri e minacciando le abitazioni, causando la più grande evacuazione nella storia della contea di Sonoma.

L’incendio Easy, scoppiato nella giornata di mercoledì ha messo a rischio la Simy Vallery, l’area Nord-Ovest di Los Angeles, obbligando la popolazione ad abbandonare le proprie case e la libreria presidenziale Ronald Reagan.  Fortunatamente la biblioteca si è salvata grazie ad un piano preventivo e al prezioso aiuto di una mandria di 500 caproni.

Incendi, in Indonesia il cielo è rosso sangue FOTO VIDEO

Nei mesi precedenti questi animali sono stati utilizzati per rimuovere le sterpaglie intorno all’area della biblioteca. Questa azione di prevenzione ha creato una zona morta tra la biblioteca e l’incendio, impedendo che le fiamme raggiungessero la struttura, mentre più di mille pompieri sono stati impiegati per contrastare le fiamme nelle colline intorno alla biblioteca. Tra i tesori che sarebbero potuti andare perduti c’era una parte del muro di Berlino e dell’Air Force One.

A maggio abbiamo collaborato con la contea di Ventura e i pompieri portando centinaia di capre nella nostra proprietà”, ha detto Melissa Giller, portavoce della biblioteca. Le capre hanno mangiato tutti i cespugli nell’intera proprietà, creando un perimetro attorno all’area che ha impedito alle fiamme di raggiungere la biblioteca. Usare le capre, fornite dall’azienda 805 Goats, come mezzo per contrastare gli incendi sta diventando sempre più popolare, più adatto all’ambiente rispetto agli agenti chimici usati dai pompieri nella lotta alle fiamme. Sono usate anche per tosare l’erba in tutta la nazione, come è avvenuto nel Prospect Park di New York.

Animali, centinaia di koala a rischio a causa di un incendio in Australia

Tuttavia, la dipendenza da questi animali può causare problemi, come hanno scoperto i residenti di West Boise, Idaho, dove una mandria di più di cento caproni ha devastato il vicinato, distruggendo prati e aiuole prima che fosse costruito un recinto dove ci sono volute più di due ore per raccogliere gli animali.

Anche Hollywood si è mossa per fornire un supporto alle operazioni di spegnimento. Fra questi John Cena, ex wrestler ed attualmente attore, nel cui prossimo film in uscita si intitola “Playing with fire”, interpreterà proprio un pompiere.

L’attore tramite un video sui social ha dichiarato di aver donato 500.000 dollari al corpo dei pompieri della regione, chiedendo che questi fossero destinati alle attività di pronto intervento. L’attore si è rivolto anche alla Paramount Pictures, produttrice di “Playing with fire”, chiedendo che questa contribuisca allo stesso modo alla causa.

L’attore ha specificato di voler destinare i fondi al pronto interventi: “In questo momento la California è devastata, sta bruciando. È sotto l’assedio di un enorme incendio, che vuol dire che i pompieri stanno continuamente e hanno bisogno del nostro aiuto”.

L’attore si è chiesto cosa potesse fare per la causa, per poi invocare l’aiuto di un gigante dell’industria come la Paramount. “Voglio che la Paramount raccolga dei fondi da destinare a questo reparto. La raccolta di fondi è l’aiuto che i nostri pompieri necessitano il prima possibile, a nome di tutti quelli che hanno lavorato a‘Playing with fire’, e per il rispetto di questi pompieri che definisco orgogliosamente come veri eroi, quello che ho fatto è donare mezzo milione di dollari alla causa”.

Amazzonia, le piogge spengono gli incendi e i volontari urlano di gioia VIDEO

Cena ha aggiunto: “In momenti come questi, quando le persone stanno dando la vita costantemente, quello di cui hanno bisogno sono le risorse. Questa è la cosa giusta da fare e faccio il possibile per aiutare la causa”. Cena ha concluso il video augurando buona fortuna a tutti gli abitanti della California e raccomandando: “Per favore restate al sicuro”.

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago