Territorio

Incendi, anche l’Australia brucia. La lotta contro il tempo per salvare i koala

Condividi

Gli incendi stanno colpendo in questi giorni anche il continente australiano, lambendo le abitazioni ma soprattutto minacciando la fauna locale, soprattutto i koala, animali dichiarati “formalmente estinti”.

Non c’è solo l’Amazzonia o l’Africa in fiamme. La stagione degli incendi ha colpito anche l’Australia e, seppure sicuramente in minor misura rispetto alla devastazione sudamericana, sta causando gravi danni, raggiungendo le abitazioni e distruggendo i fragili ecosistemi del continente.

Incendi. Amazzonia, Siberia e Africa. Il Pianeta Terra è in pericolo

Sono molti al momento gli animali in difficoltà che vengono salvati dalle fiamme dalle organizzazioni locali. Tra questi i più importanti sono i koala, sia per la difficoltà di recupero sia per la situazione dell’animale, dichiarato “formalmente estinto“, cioè senza possibilità di salvezza.

Koala, un gruppo di volontari lotta per salvarli dall’estinzione: “Non ci arrendiamo”

Proprio per questo motivo ogni singolo esemplare della specie è fondamentale, soprattutto se si tratta di una madre con il suo cucciolo.

La coppia è stata trovata da un poliziotto locale su un ramo caduto,circondato da terra ancora fumante.

Nonostante la scena la coppia è in buone condizioni,grazie alla mamma che ha protetto il piccolo dal fuoco e dal fumo.

C’erano tracce di fumo sulla pelle e sulle orecchie, ma il cucciolo era sano, è stato ben protetto dalla mamma“, spiega il poliziotto all’ ABC

Gli agenti hanno trasferito gli animali al sicuro nel retro della loro auto, prima che venissero presi in consegna dalle Guardie Ambientali locali.

In un post pubblicato su Facebook, la Wildcare Australia Inc ha scritto: “Questa mamma koala e il suo piccolo sono stati salvati la scorsa notte dalla polizia locale di Jimboomba e dai volontari del Wildcare. Sono stati portati all’Ospedale Veterinario del Queensland per le cure necessarie e sono monitorati costantemente. Le loro condizioni sono stabili al momento.”

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago