Animali

Incendi, anche la Turchia in fiamme: morti e feriti, turisti sfollati via mare

Condividi

Non si placano le fiamme che stanno colpendo la Turchia in queste ultime ore: il bilancio parla di oltre 10 morti e 200 feriti, mentre i turisti di alcuni resort lambiti dalle fiamme vengono fatti sfollare via mare.

I vigili del fuoco in Turchia hanno lottato per tutto il weekend per controllare gli incendi che ancora infuriano nelle località turistiche di Manavgat e Marmaris, mentre centinaia di turisti sono stati evacuati da Bodrum, sulla costa egea.

Incendi in Siberia, il dramma: “Più uomini o non ce la facciamo”. Brucia anche la Turchia

La maggior parte delle dozzine di incendi scoppiati in Turchia negli ultimi cinque giorni sono stati contenuti, hanno detto le autorità. Tuttavia, gli incendi continuano a divampare a Manavgat nel sud e Marmaris nell’ovest, alimentati dal caldo e dai venti afosi, ha affermato il ministro delle foreste Bekir Pakdemirli.

 


Nella famosa località turistica di Bodrum, un gruppo di turisti e personale dell’hotel è stato evacuato in barca mentre le fiamme si propagavano e pennacchi di fumo riempivano il cielo. Altri turisti erano stati evacuati nei giorni scorsi. Entro domenica mattina, Pakdemirli ha detto che l’incendio nell’area è stato contenuto.

 


Secondo i dati del ministero delle Foreste, circa 107 dei 112 incendi scoppiati negli ultimi cinque giorni in Turchia erano stati contenuti a partire da domenica mattina.

Incendi, la Sicilia brucia da 48 ore: le fiamme si avvicinano a Catania e Siracusa

Da quando sono iniziati gli incendi più di 10 persone sono morte e oltre 200 ferite a causa degli incendi nella Turchia meridionale e occidentale e migliaia di persone sono state evacuate dalle loro case.

 


Erdogan ha promesso che il governo farà di tutto per aiutare le migliaia di persone colpite dal disastro. Il presidente è stato pesantemente criticato per la carenza di aerei antincendio nel Paese. Ma ha detto che «la ragione principale di questi problemi con gli aerei è che l’Associazione aeronautica turca non è stata in grado di aggiornare la sua flotta e la sua tecnologia». Ha poi aggiunto che più aerei dall’Azerbaigian, dall’Iran, dalla Russia e dall’Ucraina sono ora coinvolti nella massiccia operazione antincendio.

(Visited 34 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago