CronacaTerritorio

Incendi. Amazzonia, Siberia e Africa. Il Pianeta Terra è in pericolo

Condividi

Incendi. Il polmone del mondo, l’Amazzonia, si sta riducendo in cenere a causa degli incendi che, ogni minuto, distruggono aree verdi grandi come tre campi di calcio.

 

La foresta pluviale più grande del mondo, che non solo è l’habitat naturale per tre milioni di specie, animali e vegetali, ma produce il 20% dell’ossigeno atmosferico e assorbe annualmente oltre 2 miliardi di tonnellate di anidride carbonica, dall’inizio dell’anno è stata colpita da una devastazione record: 72 mila incendi, di cui quasi 10 mila segnalati solo nell’ultima settimana.

Tra gennaio e agosto 2019, il numero di incendi nella regione è aumentato del 145 per cento rispetto allo stesso periodo del 2018.

Incendi Amazzonia, Parmitano pubblica le immagini dallo spazio: fumo visibile per migliaia di km

In Amazzonia incendi e deforestazione vanno di pari passo.

Secondo i dati riportati da Greenpeace, quest’anno il 75 per cento dei focolai si è verificato in aree che nel 2017 erano coperte dalle foreste e che successivamente sono state deforestate o degradate per lasciare spazio a pascoli o aree agricole.

Negli stati di Rondônia e Pará, ad esempio, gli incendi mostrano chiaramente l’avanzata dell’agricoltura industriale nella foresta, spesso per far spazio a pascoli per il bestiame e colture, soia in particolare, destinate alla mangimistica.

Dei 6.295 focolai registrati tra 16 e il 22 agosto, il 19 per cento si è verificato in aree naturali protette, il 6 per cento delle quali appartengono a diversi Popoli Indigeni.

Come se questo non fosse già abbastanza, la Siberia, l’Alaska, la Groenlandia e le Canarie sono state protagoniste di grandi incendi.

Solo ad agosto, in Siberia sono andati a fuoco oltre 5 milioni di ettari di foreste, una superficie che equivale a poco meno di tutto il patrimonio forestale italiano.

Amazzonia, Bolsonaro rifiuta l’aiuto del G7: “Gli incendi sono sotto controllo”

In Alaska si sono susseguiti incendi di dimensioni particolarmente estese, e in Groenlandia le fiamme sono arrivate a minacciare un centro abitato, mentre il gravissimoincendio nelle Isole Canarie ha costretto all’evacuazione 8 mila persone.

La distruzione delle foreste è una delle principali cause del cambiamento climatico e della massiccia estinzione delle specie.

La prima conseguenza della scomparsa di gran parte di queste zone “verdi” potrebbe portare nel prossimo futuro all’innalzamento delle temperature di 3-4 gradi centigradi.

La distruzione graduale della foresta pluviale Amazzonica rilascia infatti nell’atmosfera il carbonio imprigionato negli alberi, andando di fatto a generare anidride carbonica o metano, portando il clima a diventare più caldo e fornendo un ambiente essenzialmente più secco.

Diversi studi inoltre, dimostrano che la stagione degli incendi si è allungata di 35-40 giorni, addirittura di 80 in California: comincia prima e si conclude dopo.

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago