Lo studio, realizzato dai ricercatori canadesi dell’Università di Waterloo, ha analizzato l’impatto dei terribili incendi che hanno colpito l’Australia a cavallo tra il 2019 e il 2020.

Il fumo prodotto dagli incendi può distruggere l’ozonosfera. Lo rileva un nuovo studio, che lancia un monito: se gli incendi, a causa del cambiamento climatico, dovessero diventare più frequenti, le radiazioni solari ultraviolette potrebbero diventare molto più dannose. Lo studio, realizzato dai ricercatori canadesi dell’Università di Waterloo, ha analizzato l’impatto dei terribili incendi che hanno colpito l’Australia a cavallo tra il 2019 e il 2020. Un team di chimici dell’atmosfera hanno infatti scoperto che, dopo quella terribile estate, lo strato di ozono nell’emisfero australe era stato letteralmente distrutto per mesi.

Effetto guerra, pericolo disastro ambientale in Donbass

I ricercatori hanno utilizzato delle immagini e dei dati satellitari per misurare gli effetti delle particelle del fumo nella stratosfera. Lo studio è stato pubblicato su Science. “Gli incendi in Australia hanno iniettato nella stratosfera particelle acide, disgregando le molecole di cloro, idrogeno e nitrogeno che regolano l’ozono. La nostra è la prima misurazione su larga scala del fumo degli incendi e dimostra che può trasformare i composti che regolano l’ozonosfera, distruggendola” – spiega il professor Peter Bernath, che ha guidato lo studio – “Le analisi satellitari permettono di misurare un gran numero di molecole per avere un quadro migliore e più completo di ciò che accade nella nostra atmosfera. I modelli non possono riprodurre la chimica del fumo nell’atmosfera, quindi le nostre misurazioni consentono di avere informazioni mai viste prima dal punto di vista chimico“.

Australia, la giustizia dà ragione a Sussan Ley: “La ministra dell’Ambiente non deve proteggere i giovani dalla crisi climatica”

L’effetto dei danni causati dal fumo degli incendi all’ozonosfera è temporaneo e i livelli di ozono, dopo qualche mese, sono tornati ai livelli precedenti all’inizio di quella terribile stagione estiva. I ricercatori, però, avvertono: un aumento della frequenza degli incendi si tradurrebbe in un aumento della distruzione dello strato di ozono.

Articolo precedenteEcobonus 65% per i collettori solari, come funziona
Articolo successivoRusko, il bar dove tutto si ripara e niente viene buttato via