Il governatore della California ha dichiarato lo stato di emergenza in 5 contee, dopo che gli incendi hanno ucciso 8 persone e bruciato 20mila ettari di boschi.

Domenica il governatore della California Gavin Newsom ha dichiarato lo stato di emergenza in cinque contee a causa di incendi.

Incendi California, proclamato il disastro naturale: oltre 400.000 ettari di vegetazione distrutti

Le contee segnalate sono Fresno, Madera, Mariposa, San Bernardino e San Diego, ha detto l’ufficio del governatore in una dichiarazione durante la notte.

 


La dichiarazione è stata provocata dall’incendio che è iniziato venerdì notte ed è rapidamente cresciuto fino a bruciare circa 45.000 acri (18.210 ettari), costringendo a evacuazioni e chiusure stradali nell’area di Fresno nella California centrale.

 

Secondo le ultime indagini uno degli incendi più violenti scoppiati recentemente è stato causato da una festa privata, più precisamente da un dispositivo genera fumo, che ha presumibilmente causato l’incendio che ha distrutto oltre 7000 acri e causato l’evacuazione di interi quartieri.

California, incendi in aumento: 60% in più rispetto allo scorso anno

Otto persone sono state uccise e circa 3.300 strutture sono state distrutte nelle ultime tre settimane in incendi in tutto lo stato.

Oltre 200 persone sono state evacuate durante la notte dopo che un rapido incendio ha interrotto l’unica strada fuori dal Mammoth Pool Reservoir, un popolare sito ricreativo nella Sierra National Forest della California.

 


Siamo completamente intrappolati. C’è fuoco su tutti i lati, tutt’intorno a noi “, ha detto Jeremy Remington, mentre si trovava su una spiaggia circondata dal fuoco nel Mammoth Pool Reservoir in un video pubblicato su Twitter. Remington è stato successivamente trasportato in sicurezza per via aerea, secondo le notizie locali.

Articolo precedenteTrentino, l’orso M49 è stato catturato: le associazioni chiedono l’intervento del ministro Costa
Articolo successivoClean Air Day, OMS: “Stiamo lottando non solo contro un virus ma anche per un futuro più sano e sostenibile”