batteria alla co2

L’azienda che ha sviluppato il progetto è la Energy Dome che ora è pronta per immettere sul mercato l’innovativa CO2 Battery

In Sardegna è attiva la prima CO2 Battery dimostrativa. È quella sviluppata dalla start up Energy Dome che promette di rivoluzionare il mondo dell’energia dando una mano alla lotta al cambiamento climatico.

La batteria alla CO2 immagazzina l’anidride carbonica per immagazzinare energia che potrà essere sfruttata quando necessario. Un po’ come la Liquid Air Energy Storage che immagazzina energia raffreddando l’aria fino allo stato liquido.

Per fornire energia, i sistemi LAES riportano l’aria liquida allo stato gassoso, utilizzando quel gas per far girare una turbina e generare elettricità. Con la nuova batteria non si utilizza l’aria ma soltanto la CO2.

La batteria dimostrativa è stata installata con un impianto da 2,5 MWe di potenza e 4MWh di capacità e ha confermato la capacità di immagazzinare energia per lunghi periodi di tempo, mantenendo un’efficienza di andata e ritorno molto elevata.

“Sono orgoglioso del nostro team dedicato e dei nostri risultati. Ora possiamo fornire una risposta alla questione più urgente del nostro tempo: il cambiamento climatico”, ha affermato il fondatore e CEO di Energy Dome Claudio Spadacini.

“La nostra tecnologia rivoluzionaria – ha continuato – è ora disponibile in commercio per rendere conveniente l’energia rinnovabile distribuibile su scala globale”. 

Articolo precedenteSiccità, ecco la ricetta del ministro Cingolani per risolvere il problema
Articolo successivoNell’area marina di Punta Campanella arrivano le boe salva-Posidonia