La struttura interamente pubblica sarà costruita a Sesto San Giovanni e sarà in grado di produrre 11.120 MWh all’anno di energia elettrica e 242 metri cubi all’ora di biometano

Si chiamerà ZeroC e sarà in grado di trasformare i fanghi di depurazione e la Forsu (frazione organica del rifiuto solido urbano) in energia pulita e biometano.

Si tratta del primo impianto in Italia (e il secondo in Europa dopo quello di Zurigo) di questo tipo.

ZeroC è una società totalmente pubblica che vede come soci il Gruppo Cap – gestore del servizio idrico integrato nella Città metropolitana di Milano – e i comuni di Cinisello Balsamo, Cologno Monzese, Cormano, Pioltello, Segrate e Sesto San Giovanni, dove la biopiattaforma verrà costruita.

La creazione della nuova bioraffineria costerà 50 milioni di euro e verrà costruita lì dove al momento si trova il vecchio termovalorizzatore di Sesto San Giovanni.

Cibo e medicine in scadenza? Un’App ti dice a chi puoi donarli per non sprecarli

La novità di questo tipo di impianto rispetto ad altri già presenti anche in Italia è che questo userà la digestione anaerobica dei rifiuti organici per produrre biometano.

Si tratta di un processo bio-chimico che avviene in assenza di ossigeno e che porta alla trasformazione della sostanza organica in biogas e in una sorta di fertilizzante che si chiama digestato (che viene trasformato poi in metano).

Per quanto riguarda le tempistiche per la realizzazione e l’entrata in funzione della nuova biopiattaforma, la prima linea, quella dedicata alla Forsu, entrerà in funzione nellautunno del 2022, la seconda per i fanghi nella primavera del 2023.

A regime essa produrrà oltre 11.120 MWh allanno di energia elettrica (dalla termovalorizzazione dei fanghi) e 242 metri cubi allora di biometano. 

Effetto guerra, l’aumento del costo dell’energia mette a rischio la raccolta dei rifiuti

Articolo precedentePo in secca, dal fiume spunta un carro armato nazista
Articolo successivoUcraina, i gatti protagonisti della terapia contro lo stress da guerra