Good News

Mangia il cibo, coltiva una pianta e salva il pianeta. L’idea per imballaggi del designer Michal Marko

Condividi

Una ciotola per alimenti biodegradabile che può essere piantata nel terreno. Un’idea divertente e amica dell’ambiente. 

I materiali di imballaggio e gli avanzi di questi pasti pronti mettono a dura prova l’ambiente poiché vengono realizzati utilizzando materiali non reciclabili. 

Michal Marko, designer di Ruzemborok, in Slovacchia, ha progettato una ciotola per alimenti biodegradabile che potrebbe rivoluzionare il mondo del design del packaging alimentare.

Surgelati, arriva il packaging sostenibile: Italia primo paese a lanciarlo sul mercato

Ha messo a punto un nuovo sistema di imballaggio per alimenti biodegradabile che si trasforma in polvere in un brevissimo periodo di tempo. In ogni pacchetto sull’etichetta c’è scritto per il consumatore cosa farne dopo l’uso. Prima ti incoraggia a goderti il ​​tuo cibo e poi ti invita a staccare l’etichetta in alto dove si nascondono dei semi. Questi possono essere piantati nella stessa ciotola nella quale è stato consumato il pasto con della ghiaia.

Dopo una settimana, innaffiando i semi, le erbe inizieranno a crescere. E dopo poco l’intera ciotola può essere piantata nel terreno, quindi il pacchetto stesso si degraderà ma le erbe fioriranno. Un’idea semplice e intelligente. 

Rifiuti, dagli scarti alimentari al packaging 100% biodegradabile

Quando Marko ha progettato l’imballaggio l’idea era di creare una ciotola per alimenti usa e getta con il minimo impatto ambientale e di insegnare alla  persone un modo divertente per utilizzare i materiali biodegradabili. La semplice idea di restituire ciò che hai preso dalla natura potrebbe davvero funzionare e aiutare l’ambiente.

Foto  Behance
(Visited 23 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago