Attualità

ILVA, MITTAL RILANCIA OFFERTA. DI MAIO: “PASSI AVANTI SUL PIANO AMBIENTALE MA NON OCCUPAZIONALE”

Condividi

Ilva. Arcelor mittal rilancia la sua offerta sull’Ilva.

È durato circa un’ora e mezza, l’incontro al Ministero del Lavoro tra il Ministro del Lavoro e dello Sviluppo Economico, Luigi di Maio e la delegazione di Arcelor Mittal.
“La controproposta avanzata da ArcelorMittal – spiega il Ministro del Lavoro in un punto stampa al temine dell’incontro – segna alcuni passi avanti da un punto di vista ambientale, mentre per il profilo occupazionale non é soddisfacente e va ulteriormente approfondita”.
L’azienda, come ha spiegato lo stesso Di Maio, 
Ha chiesto che l’addendun migliorativo non venga reso pubblico per paura di problemi di concorrenza, impegnandosi però a raccontarlo a tutte le parti interessate. 
“Si sono impegnati a raccontarlo a tutti gli stakeholder che intendo – precisa Di Maio – siano le parti pubbliche, i sindacati, i rappresentanti dei consumatori e dei cittadini di Taranto. Organizzeremo dei momenti di confronto”.
Durante il punto stampa il Ministro Di Maio ci ha tenuto a sottolineare di aver informato la delegazione del colosso dell’acciaio guidata da Aditya Mittal, che proseguono le procedure di verifica sulla regolarità della gara: “sono percorsi che vanno avanti in parallelo perché dobbiamo essere
preparati a tutte e due le evenienze – ha osservato Di Maio – è la legge che ci dirà se si deve ritirare la procedura in autotutela oppure no, stiamo
seguendo un percorso naturale di accertamento”.
 
 
(Visited 44 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago