AttualitàCultura

Un’illusione ottica di 600mq ‘squarcia’ Palazzo Farnese a Roma

Condividi

Lo “squarcio visivo” di JR arriva a Roma. Sulla facciata di Palazzo Farnese, sede dell’ambasciata di Francia, un’illusione ottica di 600 mq realizzata con un collage fotografico tridimensionale in bianco e nero, permette di ‘guardare’ all’interno del Palazzo.

 “L’installazione – si legge nel comunicato dell’ambasciata – è parte del programma di valorizzazione artistica del cantiere per il restauro delle facciate e dei tetti di Palazzo Farnese, che offrirà a vari artisti contemporanei l’opportunità di rendere omaggio a questo emblematico edificio rinascimentale”.

 

Unesco, Venezia evita la lista del Patrimonio in pericolo: la decisione dopo il bando alle grandi navi

L’opera, chiamata Punto di Fuga, “svela a modo suo una parte reale o rivisitata dell’interno di Palazzo Farnese – prosegue il comunicato – ed è anche un modo di rispondere al desiderio dell’Ambasciata di mantenere il Palazzo aperto per lavori per tutta la durata del cantiere”.

 

Sostanze preoccupanti negli imballaggi in plastica, un altro motivo per non sceglierli

L’artista francese JR aveva già realizzato un’opera simile su Palazzo Strozzi a Firenze, squarciandolo con la sua opera d’arte chiamata “La Ferita” per proporre una riflessione sull’accessibilità ai luoghi della cultura nell’epoca del Covid-19.

(Visited 130 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago