Breaking News

M’ILLUMINO DI MENO, 555 MILIONI DI PASSI PER “RAGGIUNGERE” LA LUNA

Condividi

Il 23 febbraio torna M’illumino di Meno, 555 milioni di passi per “raggiungere” la luna a piedi. “Sotto i nostri piedi c’è la Terra e per salvarla bisogna cambiare passo”.

E per questo, quest’anno Caterpillar e Radio2 dedicano la 14ima edizione di “M’illumino di Meno” alla bellezza del camminare e dell’andare a piedi.

Obiettivo di questa edizione, arrivare a 555 milioni di passi, per raggiungere (almeno simbolicamente) la Luna a piedi.

L’invito per venerdì 23 febbraio, Giornata Internazionale del Risparmio Energetico, è sprecare meno energia, spegnere le luci, andare a piedi.

Camminare; correre al parco la sera; fare yoga, calcetto o tango.

“Siamo tutti necessari, anche quelli che camminano solo per andare a comprare il giornale”.

M’illumino di meno è la più grande campagna radiofonica di sensibilizzazione sulla razionalizzazione dei consumi energetici, ideata da Caterpillar, storico programma in onda da diciotto anni su Radio 2 RAI.

Iniziativa, che si avvale da anni dell’Alto Patrocinio del Parlamento Europeo e della Presidenza della Repubblica, nonché delle adesioni di Senato e Camera dei Deputati.

Dal 2005, ogni anno, Caterpillar chiede ai suoi ascoltatori di spegnere tutte le luci che non sono proprio indispensabili alle 18 di un pomeriggio di febbraio.

Un’iniziativa simbolica e concreta – spegnere le luci e testimoniare il proprio interesse al futuro dell’umanità – che è diventata subito molto partecipata: si spengono sempre le piazze italiane, i monumenti – la Torre di Pisa, il Colosseo, l’Arena di Verona -, i palazzi simbolo dell’Italia – Quirinale, Senato e Camera – e tante case dei cittadini.

Si sono spenti per M’illumino di Meno anche la Torre Eiffel, il Foreign Office e la Ruota del Prater di Vienna.

In decine di Musei si organizzano visite guidate a bassa luminosità, nelle scuole si discute di efficienza energetica, in tanti ristoranti si cena a lume di candela, in piazza si fa osservazione astronomica approfittando della riduzione dell’inquinamento luminoso.

(Visited 286 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago