Un gigantesco Iceberg di 350 miliardi di tonnellate si è separato dalla parte est dell’Antartide. Era dagli anni 60 che non si staccava un blocco di ghiaccio di queste dimensioni.


Un enorme iceberg di 350 miliardi di tonnellate e con una superficie di 1.636 chilometri quadrati si è staccato dalla piattaforma di ghiaccio Amery, in Antartide. Si tratta dell’iceberg più grande degli ultimi 50 anni.

Il blocco di ghiaccio, grande quanto l’isola di Zanzibar, è stata ribattezzata D28 e adesso dovrà essere costantemente sotto osservazione.

Era dall’inizio degli anni ’60 che dall’Amery,la terza più grande piattaforma di ghiaccio in Antartide, non si staccava un iceberg così grande.

Clima, tre giorni di ‘veglie funebri’ per i ghiacciai che stanno morendo

Gli scienziati che studiano l’Antartide avevano previsto un evento di questa portata.

Nel 2002, la professoressa Helen Fricker, dello Scripps Institution of Oceanography, aveva previsto che il cosiddetto Loose Tooth si sarebbe staccato tra il 2010 e il 2015.

I ricercatori tuttavia sottolineano che non vi è alcun legame tra questo evento e il cambiamento climatico. I dati satellitari dagli anni ’90 hanno dimostrato che Amery è sostanzialmente in equilibrio con l’ambiente circostante, nonostante si sia verificato un forte scioglimento della superficie.

IPCC, arriva il nuovo report su clima, oceani e ghiacciai VIDEO

Mentre c’è molto di cui preoccuparsi in Antartide, non c’è ancora motivo di allarmarsi per questa particolare piattaforma di ghiaccio”, ha aggiunto Fricker.”Fa parte del normale ciclo delle calotte di ghiaccio, dove questi eventi di questa portata avvengono ogni 60-70 anni”

La Divisione antartica australiana osserverà da vicino Amery con la sua strumentazione.

È possibile che il distacco di un iceberg così grande cambi la geometria della piattaforma di ghiaccio. Ciò potrebbe influenzare il comportamento delle crepe e persino la stabilità dell’intera piattaforma.

Antartide, la Nasa lancia l’allarme: a rischio rottura un iceberg grande come due New York

Si calcola che D28, il cui nome deriva da un sistema di classificazione gestito dal National Ice Center degli Stati Uniti, che divide l’Antartico in quadranti,abbia uno spessore di circa 210 metri e contenga circa 315 miliardi di tonnellate di ghiaccio.

Le correnti e i venti in mare aperto porteranno D28 verso ovest.

 

Articolo precedenteGreen New Deal, Gualtieri: “Uno degli assi della manovra”. Fondo di 50 mld
Articolo successivoIl Ministro Fioramonti: “Fuori i crocifissi dalle scuole”