Roma

Homebeer.it, parte da Roma il food delivery a zero emissioni che consegna a domicilio la birra artigianale

Condividi

Arriva a Roma la piattaforma per il delivery della birra artigianale Homebeer.it. Un food delivery a zero emissioni.  Ordini e ricevi a casa da rider dotati di scooter elettrici e che adottano tutte le precauzioni e misure richieste data l’emergenza coronavirus. 

Parte da Roma il servizio di Homebeer.it, la piattaforma per il delivery della birra artigianale e cibi di accompagnamento fondata da due giovani studenti romani, Andrea e Tommaso. In collaborazione con le birrerie della Capitale, Homebeer.it  permette di ordinare e ricevere a casa la birra prodotta artigianalmente, grazie ai riders sostenibili dotati di  scooter elettrici che adottano tutte le precauzioni e misure richieste data l’emergenza coronavirus. 

Birra Peroni passa ad alimentazione elettrica prodotta al 100% da fonti rinnovabili

Unire la qualità della birra artigianale, la comodità di gustarla sul divano, la rapidità e la sostenibilità di riceverla a casa in soli 30 minuti con scooter elettrici: la formula di Homebeer.it, il primo delivery di birre artigianali, diventa realtà con lo sbarco ufficiale della sua piattaforma online e l’attivazione del servizio su Roma.

Ideata da due giovani studenti romani, Tommaso Aguiari e Andrea Longhi di 19 e 20 anni, Homebeer.it permette di ordinare e ricevere a casa la migliore birra artigianale direttamente dalla birreria più vicina, il tutto accompagnato da cibi selezionati in base alla birra scelta.

Da Carlsberg arriva la prima bottiglia di birra interamente in carta

Gli italiani infatti si confermano amanti della birra: a berla sono oltre 3 su 4 (77%) e sono sempre più attenti alle varietà e alle novità del settore nonché alla scelta di cibi da abbinare (48,3%). Il luogo preferito per gustarla è il divano di casa o il tavolo della cucina (64%). Ma nonostante il mercato del food delivery sia in rapida espansione e abbia registrato 566 milioni di euro nel 2019, mancava fino ad oggi una piattaforma interamente dedicata alla birra artigianale a domicilio.

Homebeer.it è il servizio che mancava a tutti gli appassionati di birra artigianale, è un progetto a cui lavoriamo da molto e che siamo di fieri di lanciare ora ufficialmente su Roma”, dichiarano Andrea e Tommaso, fondatori di Homebeer.it. “Volevamo creare qualcosa che ci rendesse fieri e che mettesse insieme i nostri interessi più grandi: l’informatica e il mondo della birra artigianale. In questo momento così difficile per tutti, vogliamo lavorare per supportare le birrerie ed i pub  e permettere loro di continuare la propria attività, invertendo il flusso tradizionale e arrivando direttamente nelle case dei propri clienti”.

Mare, l’imballaggio della birra che non inquina ma nutre gli animali

Scopo di Homebeer.it è quello di offrire un servizio di delivery e di e-commerce non tradizionale, capace di far incontrare l’offerta di piccoli birrifici, spesso poco conosciuti e a conduzione familiare, con la domande di clienti esigenti o semplicemente curiosi e alla ricerca di sapori nuovi.

Ad oggi, per il servizio di consegna a domicilio Homebeer.it  collabora su Roma con 16 birrerie ed esercizi commerciali del territorio, sostenendo anche progetti a vocazione sociale come il birrificio Birra Vale la Pena, nato nel 2014 dalla Onlus Semi di Libertà con la mission di contrastare le recidive delle persone in esecuzione penale all’interno dell’istituto di Rebibbia.

Birra Ichnusa per l’ambiente : “Vuoto a buon rendere” delle bottiglie VIDEO

Il servizio di delivery è facile e intuitivo da utilizzare. Dopo essersi geolocalizzato, l’utente può individuare la birreria affiliata più vicina e scoprire la grande varietà di birre artigianali disponibili, nonché – grazie agli algoritmi presenti nell’applicazione – trovare i match perfetti tra bevanda e cibo, per una pausa o una cena completa. Una volta selezionati birra, stuzzichini e pietanze d’accompagnamento, si completa l’ordine e si paga tramite piattaforma direttamente con carta di credito.

La birra sarà consegnata all’indirizzo e all’orario desiderato dai riders sostenibili di Homebeer.it : grazie alle partnership con iCarry ed eCooltra per consegnare gli ordini Homebeer.it si affida soltanto a riders regolarmente assunti e che utilizzano motorini elettrici. “In questo modo vogliamo garantire ai nostri clienti che le persone che porteranno a casa gli ordinativi siano fidate e conosciute e soprattutto che lavorano rispettando le leggi nazionali e azzerando le emissioni di CO2”, spiegano Tommaso e Andrea.

Abbiamo proprio in questi giorni dimezzato le nostre fee e le spese di spedizione perché vogliamo dare il nostro contributo alla sopravvivenza del settore”, concludono Andrea e TommasoAbbiamo inoltre stabilito degli standard altissimi per la sicurezza e l’igiene dei prodotti da noi consegnati. Tutte le nostre birre e il food sono consegnati da riders dotati di mascherina e guanti ed i pacchetti possono essere consegnati al portone di casa o nell’androne dei palazzi, così da limitare il più possibile il contatto diretto”.

Combattiamo i cambiamenti climatici, salviamo la birra

Per le zone non ancora servite dal delivery di Homebeer.it, è comunque possibile utilizzare il servizio di e-commerce, realizzato in collaborazione con 18 birrifici nazionali, dislocati in Sardegna, Sicilia, Calabria, Lazio, Lombardia, Emilia Romagna, Toscana e Veneto.

(Visited 61 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago