Riciclo e RifiutiTerritorio

HI FLY, ARRIVANO I PRIMI VOLI PLASTIC-FREE

Condividi

Hi Fly.  Il primo volo passeggeri totalmente privo di plastica monouso a bordo: la compagnia aerea è portoghese, si chiama Hi Fly e i primi quattro voli di prova plastic free le faranno risparmiare 350 kg di rifiuti plastici.

Ogni anno decollano circa 100.000 aerei in tutto il mondo, trasportando miliardi di viaggiatori verso destinazioni vicine e lontane. E su ogni volo, gli oggetti in plastica monouso utilizzati per offrire servizi ai passeggeri sono tantissimi. Quante volte ti sarà capitato, nel pieno di un viaggio in aereo, di fare uno spuntino mangiando con forchette e bicchieri in plastica, facendoti servire un panino in un contenitore monouso, lavandoti i denti con uno spazzolino che subito dopo viene gettato via?

Per questo motivo Hi Fly, una compagnia aerea portoghese, ha deciso di tentare l’esperimento di un volo totalmente plastic free. Il primo aereo passeggeri senza plastica monouso a bordo è decollato il 26 dicembre da Lisbona, per atterrare a Natal, in Brasile. L’idea è stata quella di sostituire tazze, piatti, bicchieri, cucchiai, packaging, biancheria per dormire, contenitori per sale e pepe, bottigliette e spazzolini da denti con oggetti fatti di altro materiale, come ad esempio carta, bambù e altri composti biodegradabili.

Questo primo volo, che verrà presto seguito da altri tre, ha rappresentato un vero e proprio banco di prova per testare queste sostituzioni in un contesto reale. Infatti, il presidente di Hi Fly, Paolo Mirpuri, ha dichiarato che l’intenzione è quella di rendere tutti i voli della compagnia plastic free entro la fine del 2019.

Hi Fly diventerebbe così la prima compagnia aerea in assoluto a non trasportare oggetti fatti di plastica monouso. Una vera e propria rivoluzione, che se avesse la possibilità di espandersi e diffondersi potrebbe ridurre il consumo di plastica in modo importante. Basti pensare che solo questi quattro voli di prova faranno risparmiare alla compagnia circa 350 kg di plastica.

 

Fonte: (ohga!) Sara Del Dot

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago