Attualità

Heineken scende in campo contro la plastica monouso

Condividi

Plastica. Heineken scende in campo contro la plastica monouso e lancia l’iniziativa ‘10.000 per l’ambiente’. Obiettivo: salvaguardare l’ambiente, in particolare dell’acqua, risorsa naturale sempre più a rischio e che compone il 95% della birra.Con le sue 15 tappe, l’iniziativa toccherà tutto il paese.

I 2.000 dipendenti di Heineken Italia, in collaborazione con Legambiente, ripuliranno 30 ettari di terreni donando volontariamente il proprio tempo per riqualificare le aree nei pressi di corsi e specchi d’acqua, rimuovendo tonnellate di rifiuti con una particolare attenzione alla plastica.

Plastica, anche il Palazzo di Vetro dell’Onu diventa Plastic Free

“La tutela delle risorse fondamentali per il pianeta è una priorità per noi – ha spiegato Alfredo Pratolongo, direttore comunicazione e affari istituzionali Heineken Italia – ed è parte integrante della nostra cultura aziendale”.

IKEA, svolta Green: niente più plastica a uso singolo, obiettivo 100% sostenibile

La prima tappa lungo il Ticino, a Pavia, ha coinvolto oltre 350 dipendenti che in totale hanno raccolto più di 5 tonnellate di rifiuti, di cui 350 kg di plastica.

“Abbiamo messo a punto da diversi anni il piano globale di sostenibilità ‘Brewing a Better World‘ seguito da un team composto da più di 30 persone e investito per poter ridurre il nostro impatto in termini di consumi energetici e idrici” e “con ‘10.000 per l’Ambiente’ abbiamo deciso di andare oltre e di aggiungere al nostro programma di sostenibilità l’impegno volontario delle nostre persone per ridurre la presenza di plastica nell’ambiente, principale fonte di inquinamento di mari e fiumi – ha concluso Pratolongo – un impegno concreto ma con un significato anche simbolico”.

Plastica, il Natale 2019 sarà glitter free?

(Visited 65 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago