AttualitàCultura

Guinness World Record 2022, ecco tutti i primati ambientali

Condividi

Guiness World Records 2022, la nuova edizione sta per uscire anche in Italia. Ampio spazio è dedicato all’ambiente, con una lunga serie di primati assoluti, tra dati molto noti e vere e proprie sorprese.

Guinness World Records 2022, la nuova edizione sta per uscire anche in Italia (pubblicata da Magazzini Salani). Ampio spazio è dedicato all’ambiente, con una lunga serie di primati assoluti, tra dati molto noti e vere e proprie sorprese. Che il 2019 sia stato l’anno in cui il livello del mare si è innalzato maggiormente nella storia non è una novità assoluta, ma stupisce molto il primato (in realtà molto controverso e dibattuto) sulla temperatura più alta mai registrata: i 56,7°C toccati a Greenland Ranch (California) il 10 luglio 1913.

 

Sempre nel 2019 c’è stato un altro primato ambientale, per merito dei Fridays for Future. Il Global Climate Strike di settembre, in quell’anno, era infatti stato la più grande manifestazione di sempre per il clima: nel giro di una settimana, ai cortei avevano partecipato oltre 7 milioni e 220mila persone in oltre 160 diversi Paesi e nei vari continenti, compreso l’Antartide.

 

Il primo capitolo del Guinness World Record 2022 raccoglie record e curiosità su cambiamenti climatici, rifiuti e riciclo, produzione e smaltimento di plastica, inquinamento, energie rinnovabili e progetti per ‘ricostruire’ il pianeta. Si va dalle emergenze più drammatiche alle azioni più virtuosi, con un approfondimento sulla giovane Mya-Rose Craig, classe 2022 e capace di praticare bird-watching in tutti i continenti. Un’attività che le è valsa un dottorato ad honorem in Scienze nel Regno Unito.

Clima, nel 2021 in Europa l’estate più calda degli ultimi 30 anni

Altri primati illustrati nel libro: i sacchetti di plastica sono il prodotto di consumo più diffuso al mondo, il Bangladesh ha la più alta concentrazione di polveri sottili nell’aria. Si passa poi dal record del Liechtenstein sul tasso di riciclo dei rifiuti (64,6%) a quello negativo della Macedonia del Nord (0,2%). Parlando delle infrastrutture, a Gansu, in Cina, si trova il parco eolico più potente del mondo, con una capacità di 7.965 MW. La prima casa alimentata a energia idroelettrica fu invece realizzata a Cragside (Regno Unito) nel 1863 da William Armstrong.

 

Il secondo capitolo è interamente dedicato alla natura, dalle piante agli oceani. Craig Glenday, direttore editoriale della versione inglese del Guinness World Records 2022, ha spiegato: “Abbiamo scelto di accendere i riflettori sulla crisi climatica, è la sfida più importante che l’umanità deve affrontare. I giovani sono molto sensibili a queste tematiche e non stupisce che spesso siano loro i detentori dei primati ambientali, dalla pulizia di massa delle spiagge alla piantumazione di alberi, fino alla salvaguardia delle specie in via d’estinzione“.

(Visited 51 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago