Documentari

La Gru coronata dal becco tozzo

Condividi

La gru coronata è tipica dell’Africa subsahariana; vive e nidifica in paludi d’acqua dolce, praterie umide, aree rivierasche o terreni asciutti vicini ai corsi d’acqua. Si distingue per il becco tozzo e per un ciuffo di piume nere che spicca sul capo, ma soprattutto per una corona di penne giallastre lunghe e rigide in corrispondenza della nuca, che la fa assomigliare un po’ a un pavone.

Dal mento pende un sacco golare rosso, che gonfiandosi serve da cassa di risonanza per le sue vocalizzazioni, profonde e tonanti. Una placca bianca e rossa colora le guance, mentre le ali sono in parte bianche e in parte scure o rossicce. La gru coronata si nutre di cereali, semi e piccoli animali; per calpestare le potenziali prede adotta un particolare modo di camminare battendo i piedi. Nel periodo riproduttivo, che va da giugno a ottobre, la femmina depone da 2 a 5 uova in un nido grossolano fatto di materiali vegetali.

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago