AttualitàClima

Groenlandia, la calotta polare minacciata dall’aumento delle temperature oceaniche

Condividi

Il continuo aumento delle temperature oceaniche si sta rivelando una seria minaccia per la calotta polare della Groenlandia. Gli scienziati dell’Università della California e il Jet Propulsion Laboratory della NASA hanno quantificato per la prima volta l’impatto del riscaldamento delle acque costiere sui singoli ghiacciai nei fiordi della Groenlandia.

I ricercatori della missione Oceans Melting Greenland (OMG) hanno analizzato oltre 200 ghiacciai di una delle isole più grandi al mondo, utilizzando navi e aerei. Hanno scoperto che tra il 1992 e il 2017 sono stati almeno 70 i ghiacciai, situati in profonde vallate, che hanno rappresentato la massiccia perdita di ghiaccio della Groenlandia.

I ghiacciai che si trovano in quelle profondità sono i più soggetti a processi di cambiamento e talvolta di scioglimento, in seguito a un’erosione che parte dal basso e risulta dal mix di acqua calda e salata.
Dalle ricerche, però, è risultato anche che i blocchi di ghiaccio che si trovano più in alto non subiscono gli effetti del processo di erosione.

Antartide, le alghe rosse e verdi stanno accelerando il processo di scioglimento dei ghiacciai

L’autore dello studio e ricercatore presso il Jet Propulsion Laboratory (JPL) della NASA, Michael Wood ha affermato: “Sono rimasto sorpreso da quanto fossero irregolari e asimmetrici; i ghiacciai più grandi hanno subito più danni e in modo più rapido di quelli più piccoli”.

I ghiacciai più grandi sono i più sensibili ai cambiamenti della temperatura delle acque e determinano la perdita di ghiaccio maggiore per la Groenlandia” ha aggiunto.

Insieme all’Antartide rappresentano le due calotte polari più grandi del pianeta. In alcuni punti il ghiaccio è spesso più di 3 km e quando grandi parti si staccano, in seguito all’erosione, vanno a formare gli iceberg, ma la perdita viene reintegrata con le nevicate.

Wang Xiangjun, il popolare ambientalista cinese è scomparso tra i ghiacciai

Lo scioglimento purtroppo è in atto dai primi anni ’90 ed ha subito una rapida accelerazione che sta provocando un significativo restringimento della calotta. I fattori che contribuiscono maggiormente sono il mescolamento di acqua salata (più pesante ed erosiva) e acqua dolce (solitamente più tiepida) e il riscaldamento globale.

Wang Xiangjun, il popolare ambientalista cinese è scomparso tra i ghiacciai

Conosciamo già da un decennio gli effetti del riscaldamento degli oceani, ma per la prima volta siamo stati in grado di quantificare il livello di erosione e di mostrare i risultati degli ultimi 20 anni”, ha dichiarato Eric Rignot collaboratore della OMG e della JPL.

Di Francesco De Simoni

(Visited 45 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago