CronacaTerritorio

Groenlandia, 12mld di tonnellate di ghiaccio sciolte in un giorno. Sui social le IMMAGINI CHOC

Condividi

“Ecco le immagini sotto il ponte verso Kangerlussiauq in Groenlandia, dove oggi ci sono 22 ° C e i funzionari danesi sostengono che ieri 12 miliardi di tonnellate di ghiaccio si sono sciolte in 24 ore“, posta su Twitter mostrando le drammatiche immagini,  la giornalista scientifica Laurie Garrett.

 

 

Il  video e le immagini postate su Twitter mostrano un fiume nato dallo scioglimento di un ghiacciaio per il caldo, sotto il ponte del piccolo villaggio di Kangerlussuaq, dove si sono sfiorati i 22°C. Lo scioglimento viaggia al ritmo di circa 12 miliardi di tonnellate di ghiaccio al giorno.

 

 

Clima, allarme in Groenlandia. Sciolte 2 miliardi di tonnellate di ghiaccio in un giorno

Le temperature di luglio sono state davvero elevatissime, il più caldo dal 2012, e hanno colpito anche la Groenlandia con conseguenze molto pesanti. Secondo l’Istituto Meteorologico Danese, in questo mese si sono sciolti i ghiacci a velocità record riversando in mare oltre 197 miliardi di tonnellate d’acqua e provocando così un innalzamento del livello dell’Oceano di 0,5 millimetri.

 

 

A documentare i fiumi d’acqua che scorrono tra i ghiacci è stato anche  il documentarista Caspar Haarloev, durante le riprese per il suo documentario Into the Ice.

 

Clima, Groenlandia: irrimediabile perdita delle masse di ghiaccio

Luca Mercalli, meteorologo e divulgatore italiano, in una sua intervista rilasciata a Open, in merito a questo episodio spiega:  “Per l’esattezza non si dice ‘sciolte’ ma ‘fuse’. Stiamo parlando di un passaggio di stato da solido e liquido, e quindi parliamo di fusione. – continua – Il riscaldamento globale è arrivato anche lì. È un cambiamento in atto da oltre 30 anni. Nelle nostre Alpi i ghiacciai sono messi anche peggio, si stanno riducendo fino all’estinzione. Ma sono piccoli. In Groenlandia parliamo di un ghiacciaio che si espande per 2 milioni di chilometri quadrati, con ghiacci che arrivano a toccare i 4mila metri di dislivello”.

Incendi, la Siberia continua a bruciare senza sosta. Aggiornamenti. VIDEO

E in merito alle prospettive per i prossimi anni, Mercalli afferma: “Se non facciamo niente per le emissioni fra 80 anni potremmo avere anche un metro di mare in più. Come impatterebbe questo su alcune zone dell’Italia come il delta del Po?”.

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago