Territorio

Greta Thunberg, andrà a New York in barca a vela: “L’aereo inquina troppo”

Condividi

“Buone notizie! Andrò al vertice delle Nazioni Unite sul clima a New York. Mi è stato offerto un passaggio sulla barca a vela Malizia II”. Lo annuncia su Twitter la giovane attivista svedese Greta Thunberg. E’ riuscita nel suo obiettivo: non affrontare il viaggio in aereo perché inquina troppo.

 

 

Greta Thunberg andrà al vertice delle Nazioni Unite sul clima che si terrà a New York il prossimo 23 settembre, attraversando l’oceano Atlantico in un viaggio di due settimane per evitare di prendere l’aereo, uno dei mezzi di trasporto più inquinanti.

Greta Thunberg, ecco come la giovane attivista è riuscita a farsi ascoltare

La giovane attivista infatti affronterà il viaggio a bordo della barca Malizia II, un’imbarcazione da regata di 18 metri, attrezzata con un sofisticato sistema di pannelli solari che le permettono di procedere anche a motore senza utilizzare combustibili fossili, realizzato dall’azienda piemontese Solbian. La barca a vela è di proprietà dell’investitore tedesco Gerhard Senft, che parteciperà al viaggio insieme a Pierre Casiraghi, membro della Casa Reale di Monaco e vice presidente dello Yacht Club di Monaco, dove è ormeggiata. Sulla barca ci saranno anche il padre di Thunberg e un film-maker.

Greta Thunberg, a Bristol un murale per la 16enne che lotta per il pianeta

Greta si è sempre spostata in treno nei molti viaggi che ha fatto in giro per l’Europa negli ultimi mesi, spiegando come sia un mezzo di trasporto più sostenibile dell’aereo. Gli aeroplani producano tra il 2 e il 5% di tutte le emissioni responsabili del riscaldamento globale.

Cambiamenti climatici, Ue pensa a tassa su trasporto aereo applicabile al carburante o ai biglietti

Dopo il vertice Onu la Malizia II farà rotta per Santiago del Cile, in tempo per la Cop25, il summit sul cambiamento climatico, che comincerà il 2 dicembre nel capoluogo cileno.

Vuoi sapere quanta CO2 emetterà il tuo prossimo volo? Ecco il programma per calcolarlo

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago