Territorio

Clima, insetto rinominato in onore di Greta Thunberg

Condividi

Una minuscola specie di scarafaggio, scoperto da più di cinquanta anni, è stata rinominata in onore dell’attivista Greta Thunberg.

Gli scienziati del Natural History Museum di Londra hanno ufficialmente nominato l’insetto Nelloptedesgratae in onore del fondamentale contributo della sedicenne attivista nella diffusione della consapevolezza riguardo alla problematica ambientale. Il coleottero, che non ha né occhi né ali, è lungo meno di un millimetro e appartiene alla famiglia degli Ptiliidae, composta da alcuni tra gli insetti più piccoli al mondo.

Clima, Greta Thunberg guida la protesta in Canada VIDEO

Ho scelto questo nome perché sono notevolmente impressionato dal lavoro di questa giovane attivista e volevo dare un riconoscimento al suo eccellente contributo nella lotta al cambiamento climatico”,  ha riportato Dr Micheal Darby, ricercatore del Natural History museum.

Greta Thunberg e il suo sostegno agli indigeni che combattono l’oleodotto del Dakota Access

L’insetto è stato scoperto nel 1965 in Kenya dal naturalista britannico Dr William C Block. La sua collezione è stata donata al National History museum nel 1978 e l’insetto è stato notato dal Dr Darby mentre stava studiando la sezione degli insetti sotto spirito.

Greta Thunberg “la ragazza più rock del pianeta” duetta con Piero Pelù

Per il Dr Max Barclay, curatore a capo della sezione coleotteri del museo “il nome di questo insetto è particolarmente commovente perché è probabile che le nuove specie scoperte vadano perdute prima che queste possano ricevere un nome a causa della biodiversità, quindi è appropriato chiamarne una in onore di chi sta lavorando tanto per salvaguardare il mondo e proteggere le specie più vulnerabile”.

L’insetto è stato inserito nella rivista mensile The Entomologist Journal. Greta Thunberg è stata nominata per il Nobel della pace per il 2019, assegnato al Primo ministro dell’Etiopia Abiy Ahmed.

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago