Territorio

Greta Thunberg “la ragazza più rock del pianeta” duetta con Piero Pelù

Condividi

Il cantante dei Litfiba ritorna sulle scene discografiche ma in modo inaspettato: un duetto con la giovane attivista svedese Greta Thunberg. Il nuovo singolo “Picnic all’Inferno” uscirà venerdì 18 ottobre

Piero Pelù e Greta Thunberg insieme in un canzone. La notizia arriva dal quotidiano Leggo. Una coppia davvero insolita che segna il ritorno del cantante dei Litfiba con il singolo “Picnic all’Inferno”.

Chi è Greta Thunberg? La storia della giovane attivista svedese

Greta è la ragazza più rock del pianeta, una vera rockstar, dalla sua cameretta all’ONU in poco più di un anno, diffondendo il messaggio più importante: salviamo il nostro pianeta!”, si legge sul profilo Facebook del cantante, da sempre attento alle tematiche ambientali.

Il singolo, in uscita dal 18 ottobre, riprende inaspettato il discorso la giovane Greta Thunberg, simbolo del movimento Fridays For Future, fece nel dicembre del 2018 a Katowice, in Polonia.

Davos, Greta Thunberg e la sua lotta per il clima- VIDEO

Roma, Greta Thunberg e il manichino appeso a un ponte. Raggi: “E’ vergognoso”

Pelù ha elaborato un brano in cui la sua voce incontra quella della giovane Greta. La canzone, che ha riscosso l’approvazione della famiglia Thunberg e della stessa Greta, è stata prodotta dal cantante insieme a Luca Chiaravalli e anticipa il tour “Benvenuto al mondo”.

Clima, Greta Thunberg: “Avete rubato i miei sogni con le vostre parole vuote” VIDEO sottotitolato

Anche il cantante è sceso in piazza a Firenze venerdì 27 settembre in occasione del terzo sciopero globale per il clima, e in un post sulla sua pagina Facebook ha preso le parti di Greta: “Gli scienziati più attenti hanno dato l’allarme già 30 anni fa, qualcuno ancora nega che la situazione sia gravissima. Greta Thunberg sta riuscendo a compattare generazioni intere per fare pressione sui rispettivi governi che incentivino le forme di energia alternative (eolico, solare etc) e penalizzino quelle fossili (tutto ciò che è combustibile). Anche io sto con Greta, quindi per la mia Madre Terra”.

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago