Attualità

Greta Thunberg un simbolo anche per la musica: il suo discorso remixato da Fatboy Slim VIDEO

Condividi

“Stiamo tracciando la linea del cambiamento, proprio qui proprio ora” (“right here, right now”). Affermazione che non è sfuggita a Fatboy Slim che ha remixato dal vivo le parole di Greta Thunberg nel suo celebre brano.

Prima un video in cui il discorso di Greta Thunberg, giovane attivista simbolo del movimento Fridays for Future, alle Nazioni Unite si era stato trasformato in un brano death metal, poi l’annuncio del “duetto” con Piero Pelù nel nuovo singolo “Picnic all’Inferno”.

Greta Thunberg “la ragazza più rock del pianeta” duetta con Piero Pelù

Ma anche Norman Cook, vero nome del dj e produttore di Brighton dei Fatboy Slim,  che ha remixato il suo successo “Right here, right now” del 1998 con le parole di Greta.  Il video della performance, andata in scena nel corso di un evento musicale a Gateshead, in Inghilterra. Un classico della musica dell’elettronica accompagnato dalle parole della Thunberg che riprende nel suo discorso alle Nazioni Unite le parole “Right Here Right Now”, “proprio qui ora”.

Clima, Greta Thunberg: “Avete rubato i miei sogni con le vostre parole vuote” VIDEO sottotitolato

La 16enne che ha dato vita al movimento e ha portato in tutte le piazze del mondo milioni di giovani continua a rappresentare un simbolo nella lotta contro i cambiamenti climatici, anche nel mondo della musica.

Sciopero per il clima, oltre 4 milioni in tutto il mondo.Greta Thunberg:”Grazie a tutti!” FOTO-VIDEO

Gli artisti più attenti alle tematiche ambientali attraverso la loro musica trovano un modo per sensibilizzare il pubblico sulla necessità di agire per la salvezza del pianeta. Anche Michael Stipe, ex frontman dei R.E.M. ha dichiarato il suo supporto al movimento ambientalista Extinction Rebellion: “Credo che sia essenziale riconoscere e provare a cambiare il mondo che ci circonda, perché a controllare questo mondo siamo noi”, ha affermato il cantante.

Extinction Rebellion, Michael Stipe supporta il movimento: “Chiedono il giusto” VIDEO

(Visited 55 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago