Attualità

Greta Thunberg, ancora bersaglio di violenza: commissionata una sex doll con il suo aspetto

Condividi

Dopo i vergognosi adesivi diffusi da un’azienda petrolifera con una ragazza con le treccine e la scritta Greta sulla schiena mentre viene violentata, la giovane attivista continua ad essere bersaglio questa volta di perversioni sessuali di un utente che ha commissionato ad una ditta giapponese una bambola con il suo aspetto. 

Ho commissionato una sex doll con l’aspetto di Greta Thunberg. La produce una ditta giapponese. Sara pronta in due mesi. L’ho pagata 3400 dollari e la affitterò su Craiglist per 400 dollari a notte. Mi attizza (so hot)“.  Questo è lo sconvolgente messaggio pubblicato da un utente anonimo su Reddit, un social news aggregator, un misto di piattaforma di discussione e distributore di link, diviso in forum, i cosiddetti subreddit.

Il messaggio è stato pubblicato da un’altra utente sul suo profilo Twitter.

“Il bello è che anche la voce è programmabile.La programmerò per dire dump your carbon in me baby (scarica le tue emissioni su di me baby),  non devo neanche raderla e naturalmente quanto verrà penetrata analmente griderà how dare you. Le metterò anche dei piercing ai capezzoli e sulla lingua”, continua a scrivere l’utente.

Si pensava di averle viste tutte quando si parla di attacchi a Greta Thunberg, e dopo la diffusione di adesivi raffiguranti la giovane attivista mentre viene tenuta per le trecce da un uomo nell’atto di stuprarla, ora anche bersaglio della perversione sessuale di un maniaco.

Greta Thunberg, il vergognoso adesivo diffuso dall’azienda petrolifera

Odio, sessismo, violenza e questa volta si è toccato davvero il fondo.

Greta Thunberg come Nilde Iotti. La provocazione di Makkox: “Diranno che era brava a letto”

(Visited 1.822 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago