Attualità

Greta Thunberg come Nilde Iotti. La provocazione di Makkox: “Diranno che era brava a letto”

Condividi

“Bella emiliana prosperosa, brava in cucina e a letto”.  Con queste parole il quotidiano Libero ha definito Nilde Iotti, prima donna nella storia a ricoprire la presidenza della Camera dei deputati.  E Il fumettista Makkox sulle critiche a Greta Thunberg: “La rivaluteranno. Scriveranno che era brava a letto”.

Eletta personaggio dell’anno dalla rivista Time,  il 2019 è stato all’insegna dell’ambiente e dell’ondata green scatenata da una giovane svedese di soli 16 anni. Lei è Greta Thunberg, la fondatrice del movimento Fridays For Future, che ha smosso le coscienze, coinvolto ragazzi e ragazze in tutto il mondo e portato all’attenzione dei media un problema urgente come quello della crisi climatica.

Clima, Greta Thunberg è il personaggio dell’anno per il Time

Le prime immagini di Greta sono quelle davanti al parlamento svedese con un cartello in mano: Skolstrejk för klimatetSciopero scolastico per il clima. Da quel giorno ha dato vita a un movimento globale di migliaia di ragazzi che vedono nel cambiamento climatico la minaccia al loro futuro e protestano disertando la scuola ogni venerdì in tutto il mondo.

Chi è Greta Thunberg? La storia della giovane attivista svedese

Ma essere diventata simbolo della lotta ambientalista ha significato anche essere bersaglio di numerose critiche, dalle teorie complottiste che la definiscono strumento di un’operazione di marketing, alle battute sul suo aspetto e sulla malattia di cui soffre, la sindrome di Asperger.

La giovane attivista è stata spesso fonte d’ispirazione per il quotidiano Libero che non si è mai lasciato scappare un’occasione per dedicarle titoli di grande spessore in prima pagina, come  “E’ l’ora dei gretini”, o “La Rompiballe dal Papa”. 

Greta Thunberg “Rompiballe dal Papa”: l’insulto in prima pagina su Libero

Ma non si è lasciato sfuggire un’altra opportunità, dopo il lancio della fiction sulla RAI dedicata a Nilde Iotti, prima donna a ricoprire la presidenza della Camera dei deputati. 

“Era facile amarla perché era una bella emiliana simpatica e prosperosa come solo sanno essere le donne emiliane. Grande in cucina e grande a letto. Il massimo che in Emilia si chiede a una donna”. Con queste parole Libero ricorda la donna che nel 1979  ha rappresentato un punto di svolta nella politica italiana.

La reazione dell’Ordine dei Giornalisti riassume questa nuova trovata del quotidiano che non perde ancora una volta l’occasione per violare le regole deontologiche: “Sessismo e omofobia: il giornalismo è un’altra cosa”, “contenuti deplorevoli ed infangano la memoria di una grande donna che ha fatto la storia italiana”.

Marco D’Ambrosio, fumettista e disegnatore, in arte Makkox, in una vignetta, pubblicata sul quotidiano Il Foglio, ha racchiuso e riassunto le polemiche e i dibattiti scoppiati attorno alla figura di Nilde Iotti e a quella di Greta, un’altra giovane donna che da un anno a questa parte continua a far parlare di sé.

@makkox

Oggi non la sopportano, ma tra 100 anni perfino quei tizi lì la rivaluteranno, scrivendo che era brava a letto come tutte le svedesi…”.  Queste parole sono accompagnata dal disegno della giovane attivista così come raffigurata nella copertina del Time, in piedi su uno scoglio battuto dalle onde.

Amazzonia, Bolsonaro attacca Greta Thunberg: “È solo una ragazzina.”

Un messaggio forte e diretto, ma con parole che molti non si sono risparmiati di usare contro due donne che, in maniera differente, hanno lasciato il segno nella storia.

Odio, sessismo o forse solo voglia di scatenare polemiche futili per essere più popolari?

(Visited 66 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago