Più di 20 minuti di intervista in cui si è parlato di clima, energia e guerra. È quella che ha rilasciato l’attivista climatica Greta Thunberg alla tv tedesca Ard. 

“Ogni guerra è un disastro a vari livelli. Ma dobbiamo essere in grado di affrontare diverse cose allo stesso tempo. Anche per creare correlazioni tra loro”, ha spiegato Greta Thunberg alla tv tedesca in un’intervista andata in onda ieri sera con le dichiarazioni sul nucleare che avevano già fatto il giro del mondo alla vigilia della messa in onda.

“Attualmente – ha chiesto subito la giornalista tedesca – in Germania stiamo discutendo se sia meglio tenere in funzione più a lungo le centrali nucleari invece di quelle a carbone. Cosa ne pensa?”

“Personalmente – è la risposta di Greta – penso che sia una cattiva idea affidarsi al carbone. Se le centrali nucleari sono già in funzione credo sarebbe un errore spegnerle”.

Una presa di posizione che per molti è un passo indietro rispetto alla sue posizioni di qualche anno fa contro il nucleare mentre per altri rappresenta solo di una dimostrazione di sano realismo. Fatto sta che la soluzione reale, spiega l’attivista svedese, restano le rinnovabili e su queste bisogna puntare.

Spazio poi alle domande personali. “Da anni – dice la giornalista – lei lancia l’allarme sulla crisi climatica ma le emissioni continuano a crescere. Ha mai pensato che quello che fa non abbia senso?”. 

“Assolutamente no – la risposta di Thunberg -. La crisi climatica ci costringe a un cambiamento culturale che non avviene da un giorno all’altro. Quindi bisogna continuare a lottare”.

E alla domanda se è ottimista o meno sul futuro del Pianeta, Greta risponde: “Sono realista. Spetta a noi cambiare le cose. Staremo a vedere se lo faremo”. 

Articolo precedenteRoma, celebrati i 152 anni della Polizia Locale di Roma Capitale
Articolo successivoL’allarme del WWF: “In 50 anni distrutto il 69% della fauna selvatica”. Il video