“Il PNRR è deludente e non fa intravedere una decisa strategia per quella transizione ecologica urgente e necessaria”. Il blitz di Greenpeace a Roma davanti ai Ministeri per sostituire le targhe rinominandoli simbolicamente. Come il Ministero della “Finzione ecologica”.

Con un blitz organizzato questa mattina a Roma, attivisti di Greenpeace Italia hanno apposto nuove targhe a quattro ministeri della Capitale così rinominandoli simbolicamente. Lo rende noto l’ong spiegando che “il dicastero del ministro Cingolani è diventato il ‘Ministero della Finzione Ecologica’, quello del ministro Giovannini il ‘Ministero dei Treni Persi e dell’Immobilità elettrica’. I dicasteri dei ministri Patuanelli e Giorgetti sono stati ribattezzati rispettivamente ‘Ministero per gli Allevamenti Intensivi ed Altre Attività Inquinanti’ e ‘Ministero dello Sviluppo che Distrugge il Pianeta“.

Greenpeace, “Pronto Mario, ci senti?” 12 artisti telefonano al presidente del Consiglio

La protesta dell’organizzazione ambientalista, si legge nella nota, “nasce dalla valutazione per nulla positiva del Pnrr del Governo Draghi, approvato in questi giorni dal Parlamento e che mette in atto una vera e propria ‘finzione ecologica’“.

A eccezione di alcuni passi apprezzabili – dalle smart grid, agli accumuli per le rinnovabili, al solare agrivoltaico – il Piano è deludente e non fa intravedere una decisa strategia per quella transizione ecologica urgente e necessaria per permettere al Paese di dare il proprio contributo nel contrasto all’emergenza climatica in corso”.

Pnrr, Greenpeace al Governo Draghi: “whatever it takes per il pianeta”

Il Piano, osserva Greenpeace, “non indica chiare priorità per lo sviluppo delle rinnovabili, lascia poco più che briciole alla mobilità urbana e sostenibile e alla protezione della biodiversità. Dimentica, inoltre, le necessarie misure per la promozione dell’agroecologia e la riconversione degli allevamenti intensivi e declassa l’economia circolare a una mera questione di gestione dei rifiuti. Il Pnrr, infine, apre di fatto la porta all’idrogeno blu di Eni (prodotto da gas e usando il Carbon Capture and Storage)”

Articolo precedenteDermatologia, l’innovazione della terapia fotodinamica
Articolo successivoCoronavirus, 14.320 nuovi casi e 288 decessi in 24 ore