Roma e Dintorni

GREENPEACE, MOSTRA FOTOGRAFICA SUI CAMBIAMENTI CLIMATICI A ROMA

Condividi

Greenpeace mostra.  I cambiamenti climatici sono ormai una devastante realtà con la quale dobbiamo fare i conti. Una realtà che non risparmia niente e nessuno, con duri impatti che interessano sempre più severamente l’Italia e tutto il Pianeta. È quanto illustra la mostra fotografica “Vento, caldo, pioggia, tempesta. Istantanee di vita e ambiente nell’era dei cambiamenti climatici”, organizzata da Greenpeace Italia nel Museo di Roma in Trastevere dal 12 dicembre 2018 al 10 marzo 2019.

Dalla siccità nel sud Italia all’acqua alta a Venezia, dal tifone Haiyan – che ha devastato le Filippine cinque anni fa – all’innalzamento del livello del mare nelle isole del Pacifico, la rappresentazione degli impatti dei cambiamenti climatici viene testimoniata in questa mostra da oltre 50 immagini provenienti da tutto il mondo.

«Nubifragi, ondate di calore, siccità e tutti i fenomeni meteorologici estremi sono sempre più intensi e frequenti, proprio a causa dei cambiamenti climatici», dichiara Luca Iacoboni, responsabile campagna Clima di Greenpeace Italia. «L’unica soluzione, secondo la scienza, è quella di abbandonare carbone, petrolio e gas, accelerare la transizione energetica verso un mondo totalmente rinnovabile, oltre che diminuire il consumo di carne e fermare la deforestazione».

Si è appena conclusa a Katowice in Polonia  la COP24, la conferenza mondiale sul clima. «Questo è un momento cruciale per tutto il Pianeta, occorre subito mettere in pratica quelle azioni per il clima di cui abbiamo un bisogno disperato», commenta Jens Mattias Clausen, capo delegazione di Greenpeace alla COP24. «Viviamo un’emergenza e abbiamo bisogno di un forte impegno per rendere più ambiziosi gli attuali piani climatici, estremamente insufficienti, entro il 2020. Chi, in modo irresponsabile, non deciderà o tenterà di bloccare i provvedimenti necessari, sarà ritenuto responsabile», conclude.

Maggiori informazioni : Vento, caldo, pioggia, tempesta. Istantanee di vita e ambiente nell’era dei cambiamenti climatici

GUARDA IL DOCUMENTARIO DI GREENPEACE SUL GHIACCIAIO DEI FORNI

CLIMA, L’ITALIA SI CANDIDA AD OSPITARE COP26 NEL 2020

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago