greenpeace olio di palma

La ong ambientalista Greenpeace ha avviato una raccolta di firme per chiedere al ministro della transizione ecologica Cingolani di far sentire la propria voce contro il business dell’olio di palma. 

Il prossimo 28 giugno si terrà una riunione dei ministri dell’Ambiente degli Stati membri dell’Unione europea in cui, tra le altre cose, bisognerà decidere quale posizione i governi del continente vogliono assumere relativamente alla questione dell’olio di palma e alle normative comunitarie.

Per spingere i ministri europei a decidere per una stretta ai produttori di olio di palma che è causa deforestazione in diverse parti del mondo, Greenpeace ha organizzato una petizione per chiedere al ministro italiano Roberto Cingolani di fare la sua parte.

L’accusa di Greenpeace alle imprese europee che usano olio di palma

Come spiegato da Greenpeace, “l’associazione di categoria che rappresenta l’industria dell’olio di palma – di cui fanno parte grandi multinazionali come Ferrero, Nestlé, Mondelez e Mars – sta cercando di minare la normativa europea che dovrebbe impedire l’ingresso sul mercato comunitario di prodotti e materie prime la cui estrazione, raccolta o produzione ha gravi impatti sulla natura e i diritti umani, in particolar modo quelli dei Popoli Indigeni”.

Ciò che le aziende citate dalla ong ambientalista stanno cercando di fare è spingere verso lo stralcio dalla norma definitiva dell’obbligo di indicare l’appezzamento di terreno sul quale sono state piantate le palme dai cui frutti si ottiene l’olio di palma.

“In pratica – spiega Greenpeace – le grandi aziende del business dell’olio di palma non vogliono far sapere se, per fare spazio alle piantagioni, sia stata distrutta o meno la natura. Se l’attuale bozza venisse approvata, la normativa richiederebbe per la prima volta alle aziende che immettono determinati prodotti e materie prime (incluso l’olio di palma) sul mercato Ue, di rintracciarne l’origine e dimostrare che non sono collegate alla distruzione o al degrado delle foreste”. 

 

 

Articolo precedentePeste suina, nel Lazio primo caso fuori Roma. Costa: “Cacciatori nostri alleati”
Articolo successivo“Botticelle patrimonio di Roma”, bufera sull’assessora Sabrina Alfonsi