Attualità

GRENPEACE, BLITZ SULLA NAVE WILMAR: “L’OLIO DI PALMA STA DISTRUGGENDO LE FORESTE”

Condividi

Greenpeace . Blitz degli attivisti di Greenpeace su nave cargo carica di olio palma: arrestati 6 attivisti. Lʼimbarcazione appartiene alla Wilmar: “Avevano promesso di rimediare alle loro azioni, ma non lʼhanno fatto”, la loro denuncia.

“Sei attivisti di Greenpeace hanno abbordato una nave cargo che trasporta olio di palma proveniente dall’Indonesia e diretta in Europa, sono stati arrestati e sono attualmente detenuti a bordo della nave”. Lo denuncia su Twitter l’organizzazione ambientalista chiedendo sostegno. L’imbarcazione contiene “sporco olio di palma appartenente alla Wilmar. Avevano promesso di rimediare alle loro azioni, ma non l’hanno fatto”, viene aggiunto.

“Vogliamo mandare un messaggio – ha twittato ancora Greenpeace – . L’olio di palma Wilmar sta distruggendo le foreste pluviali e non lo vogliamo nei nostri supermercati e nelle nostre case”. I sei attivisti sono stati tratti in arresto dal capitano della nave dopo avere esposto striscioni con scritto “Salviamo le nostre foreste” e “via lo sporco olio di palma”.

Arrestati nonostante avessero informato della protesta. Un sito che monitora i movimenti delle navi citato dall’agenzia riferisce che la nave cisterna, chiamata Stolt Tenacity, era diretta a Rotterdam. Greenpeace ha riferito che gli attivisti, provenienti da Indonesia, Germania, Gran Bretagna, Francia, Canada e Stati Uniti, sono trattenuti in una cabina della nave, nonostante il capitano fosse stato informato in anticipo della protesta, e che sarebbe stata pacifica.

L’olio di palma viene usato in molti prodotti di uso comune, dai cosmetici alle merendine. La Wilmar ha tra i suoi clienti i produttori dei biscotti Oreo e quelli del cioccolato Cadbury.

 

Firma la petizione BASTA OLIO DI PALMA CHE DISTRUGGE LE FORESTE

(Visited 126 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago