Home Attualità Greenaccord, a Bari il Forum “Il ruolo delle comunità per una conversione...

Greenaccord, a Bari il Forum “Il ruolo delle comunità per una conversione ecologica inclusiva e generativa”

Greenaccord Bari Forum

Si terrà a Bari dal 25 al 27 novembre il XVII Forum dell’Informazione cattolica per la Custodia del Creato “Il ruolo delle comunità per una conversione ecologica inclusiva e generativa” di Greenaccord

“Ieri la crisi economica e quella pandemica poi; oggi quella bellica interconnessa a quella energetica. Per le giovani generazioni si tratta di una “crisi permanente”. Tanto che il neologismo “permacrisi”, coniato dal dizionario britannico Collins, è diventato “la parola dell’anno 2022”, perché descrive nitidamente la preoccupazione dei popoli mondiali. Ma, di fronte a qualsiasi crisi, bisogna reagire, cercare di trasformarla in un’opportunità. Non è urgente solo la conversione etica ed ecologica dei nostri stili di vita individuali, dobbiamo tornare alla prossimità e alla gratuità tipiche della vita di comunità. Perché, come dice papa Francesco, nessuno è un’isola, nessuno si salva da solo”. È questa – spiega Alfonso Cauteruccio, presidente di Greenaccord Onlus – la riflessione che sta alla base dei temi scelti per il XVII Forum dell’Informazione cattolica per la Custodia del Creato.

L’appuntamento, dal titolo “Il ruolo delle comunità per una conversione ecologica inclusiva e generativa”, si tiene a Bari, dal 25 al 27 novembre, nell’auditorium “Mons. Magrassi” (Corso Alcide De Gaspari 274/A). Ha il sostegno dell’Arcidiocesi di Bari-Bitonto, del Consiglio della Regione Puglia, di Banca Intesa, di Gemmo SpA, di Italcave e di Oraizen. Come tutti gli eventi di Greenaccord, è aperto al pubblico, è gratuito, ed è accreditato presso l’Ordine dei giornalisti nazionale come corso di formazione con crediti (12 nelle due giornate).

“Senza comunità solidali non ci saranno coese comunità che sfrutteranno le rinnovabilicontinua Cauterucciosenza comunità intraprendenti e resilienti, che comprendano l’enorme valore dei rifiuti, non emergeranno, né si consolideranno, modelli intelligenti e convincenti di economia circolare; né, infine, il turismo esperienziale e sostenibile potrà riconoscere ed estrarre i talenti del territorio senza il coinvolgimento corresponsabile di chi lo abita e lo abilita. Solo se rimetteremo le persone al centro di ogni visione di progresso e libereremo il talento dei più giovani, potremo rendere l’Italia un Paese inclusivo, attrattivo, innovativo, competitivo e capace di saldare tecnologia, economia ed ecologia”.

“La prima forma di biodiversità che sentiamo il dovere di conoscere e di proteggere è quella umana, che vive nelle nostre eterogenee e vivaci comunità. Il programma (allegato) del nostro Forum – evidenzia Giuseppe Milano, segretario generale di Greenaccord Onlus – rispecchia questa ricerca interdisciplinare e il bisogno di una più profonda e sincera connessione intergenerazionale tra esperienze e competenze diverse”.

Tre, dunque, le sessioni di lavoro, tra loro cucite dall’avere ciascuna un modulo più “teorico” e uno più “pratico”: la prima su rinnovabili e comunità energetiche; la seconda su economia circolare e responsabilità sociale dei portatori di interesse; la terza su turismo sostenibile ed esperienziale.

Greenaccord, il programma delle tre giornate

La prima tavola rotonda, dal titolo “La transizione energetica efficace e duratura che valorizza le comunità”, prevista nel pomeriggio di venerdì 25 novembre dalle 15, sarà scandita dalle relazioni delle ricercatrici Antonella Tundo, Valeria Palomba e Alessandra Pesce – rispettivamente dei centri di ricerca Enea, Cnr e Crea – nonché dai contributi del docente di Ingegneria energetica dell’Università “Sapienza” di Roma Andrea Micangeli, del direttore del Centro Agroalimentare di Bologna Duccio Caccioni, del direttore del progetto Lucensis Giuseppe Lanzi e della presidente della società benefit ènostra Sara Capuzzo.

Valeria Palomba e gli studiosi dell’Istituto di tecnologie avanzate per l’energia “Nicola Giordano” del Cnr di cui fa parte, nei giorni scorsi sono stati inseriti dalla Stanford University tra i “World’s 2% Top Scientists”, per quanto attiene la produttività scientifica del 2021.

La seconda giornata (26 novembre), dal titolo “L’economia circolare come nuova frontiera della giustizia sociale”, moderata dalla giornalista della Gazzetta del Mezzogiorno, Rita Schena, sarà aperta, alle 9, dalla relazione di uno dei più appassionati e autorevoli “padri nobili” dell’ambientalismo italiano, il docente e ricercatore Walter Ganapini. Dopo gli interventi del giornalista esperto di comunicazione per il terzo settore Stefano Martello – da poco in libreria con il volume “L’anello mancante. La comunicazione ambientale alla prova della transizione ecologica” – e della progettista di strategie circolari Irene Ivoi, prenderanno la parola tre esemplari testimoni dell’effervescente ecosistema innovativo delle startup: la piemontese Emanuela Barbano, presidente di Biova, che trasforma gli scarti del pane in birra; il siciliano Giuseppe Macca, chief strategy advisor di Jebbia, che realizza giardini modulari con cui corroborare i processi di rigenerazione urbana sostenibili; il foggiano, neanche ventenne, Raffaele Nacchiero, fondatore di AraBat, che ambisce ad allungare il ciclo di vita dei sistemi di accumulo mediante il riuso degli scarti delle arance.

Il terzo e ultimo panel del Forum, dal titolo “Dal turismo di massa a quello esperienziale” e che inizierà alle 15 con l’intervento del dirigente del dipartimento “Turismo, Economia della cultura e Valorizzazione del territorio” della Regione Puglia, Aldo Patruno, sarà animato dalle riflessioni del camminatore Sergio Valzania; dalle suggestioni sul turismo lento e lentissimo dei docenti universitari Paolo Pileri e Chiara Rizzi – rispettivamente del Politecnico di Milano e dell’Università della Basilicata – nonché, infine, dalle osservazioni esperienziali del ricercatore esperto di aree interne dell’Inapp (Istituto Nazionale per l’Analisi delle Politiche Pubbliche) Filippo Tantillo, della responsabile Relazione con Stakeholder di Enel X Way Marilisa Partipilo e dell’imprenditrice innovativa responsabile del progetto Everywhere TEW Mariarita Costanza.

La chiusura dei lavori, al termine delle tre sessioni, è affidata all’economista Leonardo Becchetti.

Il premio giornalistico “Sentinella del Creato”

L’attrice Antonella Attili, a Natale al cinema nel film “Il grande giorno”, con Aldo Giovanni e Giacomo, impreziosirà con la sua voce la serata del 26 novembre, dedicata all’assegnazione del Premio giornalistico “Sentinella del Creato”. La Attili interpreterà un brano dell’enciclica Laudato si’ di papa Francesco. L’altra voce protagonista sarà quella del soprano Joscelyne Kanyinda, accompagnata dal violino di Davide Orofino, e dal violoncello di Federica Natilla. La cerimonia sarà presentata dai giornalisti Antonio Preziosi e Romina Gobbo.

Il Premio “Sentinella del Creato” è stato ideato da Greenaccord Onlus quale riconoscimento all’impegno di giornalisti, ambientalisti, scienziati, artisti e imprenditori che si sono distinti nella salvaguardia e valorizzazione della “casa comune”.

Partner: Arcidiocesi di Bari-Bitonto, Consiglio della Regione Puglia, Intesasanpaolo, Gemmo spa, Italcave e Oraizen.

Patrocini: Ministero della transizione Ecologica, Consiglio della Regione Puglia, CUFAA dell’Arma dei Carabinieri, FNSI, Ordine dei Giornalisti Puglia, UCSI, FISC, Ufficio Mondo Sociale e del Lavoro e Tavolo Laudato si’ dell’Arcidiocesi di Bari-Bitonto e Fondazione Bioarchitettura.

Media Partner: Vatican News e Radio Vaticana, Avvenire, SIR, Tv2000, Famiglia Cristiana, LifeGate, TeleAmbiente, greenreport.it, Eco in Città, GreenMe, Terra e Missione, TRM Network, NAP Comunicazione e The Map Report.

Articolo precedenteAmazon punta a tagliare le emissioni dell'”ultimo miglio” in 4 città italiane. Il video
Articolo successivoValtopina (Pg), 40° Mostra mercato del tartufo dedicata al riconoscimento Unesco