PoliticaTerritorio

Green New Deal, Gualtieri: “Uno degli assi della manovra”. Fondo di 50 mld

Condividi

“Il Green New Deal e’ uno degli assi della manovra”. Lo ha detto il ministro dell’Economia, Roberto Gualtieri, durante la conferenza stampa a Palazzo Chigi dopo il varo della Nota di aggiornamento del Def . Verrà istituito”un fondo di 50 miliardi”.

‘Un Green New Deal italiano ed europeo, orientato al contrasto ai cambiamenti climatici, alla riconversione energetica, all’economia circolare, alla protezione dell’ambiente e alla coesione sociale e territoriale, sara’ il perno della strategia di sviluppo del Governo“. E’ quanto scrive il ministro dell’Economia, Roberto Gualtieri, nella premessa della Nota di aggiornamento del Def.

Esso – spiega – si inserirá nell’approccio di promozione del benessere equo e sostenibile, la cui programmazione è stata introdotta in Italia in anticipo sugli altri paesi europei e che il Governo intende rafforzare in tutte le sue dimensioni“.

Colgo l’occasione per fare un altro annuncio che forse non è neanche nella Manovra: noi vorremmo emettere anche dei Green bond, cioè nelle emissioni di debito pubblico dell’Italia ci saranno dei titoli specificamente dedicati a finanziare investimenti nella sostenibilitá ambientale. Ci saranno dei Green bond italiani“, afferma Gualtieri.

Questa è una notizia da sottolineare con le crocette“, ha rimarcato il presidente del Consiglio Giuseppe Conte, scherzando con i giornalisti.

 

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago