AttualitàClima

Accordo GSE e Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile per il Green Deal italiano

Condividi

Green Deal. Un intesa per supportare le Istituzioni nazionali e le Amministrazioni regionali e locali nell’adozione di politiche e progetti che favoriscano lo sviluppo sostenibile del Paese, anche come chiave di ripartenza dopo l’emergenza sanitaria, è quella avviata dal Gestore dei Servizi Energetici- GSE SpA e la Fondazione per lo Sviluppo sostenibile.

L’accordo, sottoscritto da Francesco Vetrò, Presidente del GSE, e da Edo Ronchi, Presidente dalla Fondazione, prevede la collaborazione nelle iniziative per il monitoraggio dei trend energetici e climatici del Paese, l’elaborazione di studi sulle ricadute economiche e sociali, nonché la redazione di appositi rapporti annuali.

“Dopo la sottoscrizione del Manifesto, la collaborazione tra la Fondazione e il GSE concretizza una convergenza di intenti volti alla promozione dello sviluppo sostenibile del Paese e, quindi, a beneficio del Paese stesso,che conducono ad azioni particolarmente rilevanti, specie in una fase di emergenza economica e sociale  come quella che stiamo attraversando” – ha sottolineato il Presidente del GSE, Francesco Vetrò, ringraziando “Edo Ronchi per l’attività intrapresa dalla Fondazione, alla quale il GSE conferma il proprio  supporto, nel suo ruolo di Istituzione preposta a promuovere lo sviluppo sostenibile del Paese”.

Greta Thunberg contro il Consiglio europeo: “Alcune belle parole e qualche vago obiettivo climatico”

I risultati delle attività saranno divulgati attraverso l’organizzazione di eventi istituzionali, e resi disponibili negli incontri con gli stakeholder di settore.

Nell’ottica di ripartenza dopo l’emergenza Covid-19, l’accordo tra il GSE e la Fondazione prevede inoltre il supporto alle Amministrazioni regionali nei settori particolarmente colpiti, contribuendo a individuare le misure più idonee a fronteggiare la crisi.

Un’azione che sarà portata avanti anche attraverso la realizzazione di studi e analisi sull’impatto che l’emergenza epidemiologica ha avuto sui settori energetico e ambientale.

“Nella promozione di un nuovo Green Deal per l’Italia e della transizione energetica verso la neutralità carbonica  mi pare di grande importanza il coinvolgimento, il confronto e la collaborazione con i soggetti istituzionali interessati, da parte degli stakeholder, dei territori, delle città così come di soggetti competenti della società civile” – ha dichiarato il Presidente della Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile,  Edo Ronchi ringraziando il Presidente Francesco Vetrò per il  suo forte impegno a favore di una sviluppo sostenibile.

Recovery Fund, quanti dei 209 miliardi l’Italia spenderà nel Green New Deal

“La collaborazione fra il GSE , una delle realtà più qualificate e rilevanti  per le tematiche di nostro maggiore interesse,  e la Fondazione  – ha aggiunto – è per noi motivo di soddisfazione e di  impegno in  nuovi progetti  comuni “.

Nell’ambito del progetto “Green City Network”promosso dalla Fondazione,saranno avviate iniziative per sostenere i principi di mitigazione e adattamento climatico nelle aree urbane.

A tal fine, saranno elaborati studi,analisi e dossier di approfondimento sulle tematiche della rigenerazione urbana, come la carbon neutrality delle città e la gestione del ciclo dei rifiuti, anche al fine di supportare le Amministrazioni locali nella definizione delle politiche a favore della sostenibilità ambientale e dell’economia circolare.

Il GSE, peraltro, è tra i 500 firmatari del Manifesto “Uscire dalla pandemia con un nuovo Green Deal per l’Italia”, promosso dalla Fondazione per garantire un sostegno al Paese e una ripartenza economica che faccia leva sulle fonti rinnovabili e sull’efficienza energetica, principali strumenti per il raggiungimento degli obiettivi stabiliti dal Piano Nazionale Integrato Energia e Clima varato dal Governo.

 

 

 

Photo by Pixabay from Pexels

(Visited 22 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago