“Green Vibes”, startup italiana con sede a Milano, realizza sex toys sostenibili a 360 gradi. Le co-founder dell’azienda: “Vogliamo abbattere tabù e stereotipi sulla sessualità”.

Anche i sex toys devono essere sostenibili. “Green Vibes” è una startup impegnata nella rivoluzione eco-friendly dell’industria del piacere. Proprio per questo l’azienda con sede a Milano propone accessori e giochi intimi rispettosi dell’ambiente e della persona. A guidare “Green Vibes” sono due donne, Chiara Maggio e Valentina Dell’Arciprete, impegnate a cancellare i pregiudizi sull’autoerotismo.

Senza dubbio le persone stanno dimostrando di volere abbattere tabù e stereotipi sulla sessualità, prendendo le distanze dai vecchi retaggi culturali sul tema: si parla un po’ più liberamente di masturbazione, di inclusività, di educazione sessuale e all’affettività. Ma la strada, soprattutto in Italia, è ancora lunga“, hanno spiegato le due co-founder a Life Gate.

Di certo, Chiara Maggio e Valentina Dell’Arciprete stanno creando empowerment, soprattutto nel gentil sesso, attraverso eventi in presenza e online.

Il loro obiettivo è diffondere la sextainability, unione di sex e sustainability, cioè una rivoluzione sessuale declinata in cinque livelli di sostenibilità.

“Green Vibes”, una sostenibilità a 360 gradi

Oltre a essere sicuri, i prodotti di “Green Vibes” sono realizzati con materie prime certificate, ecologiche e provenienti da una filiera responsabile.

I sex toys sono basati sulla sostenibilità ambientale, socio-etica, corporea, personale ed economica. Insomma, i sex toys di “Green Vibes” non rispettano soltanto il pianeta Terra, ma riescono a promuovere un autoerotismo più consapevole.

La sostenibilità è un processo di graduale trasformazione, che osserva dall’alto le cose del Mondo. Diminuire il proprio impatto sul Pianeta significa intervenire considerandone tutti i livelli e sfaccettature, e procedere passo dopo passo, eliminando ogni pretesa di perfezione“, hanno scritto Chiara Maggio e Valentina Dell’Arciprete sui social.

E i costi? La startup ha pensato davvero a tutte e tutti. Proprio per questo i prodotti sono accessibili a ogni tasca, anche a chi ha meno possibilità finanziarie.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Green Vibes (@greenvibes.store)

Articolo precedenteVisit Monti Dauni, un viaggio tra storia e tradizione
Articolo successivoEcoturismo all’Asinara, visitare l’oasi con gli esperti. Pisanu: “Con una guida naturalistica si vede il territorio in maniera diversa”