ClimaPoliticaRomaVideo

Grande Raccordo Boschivo, Pecoraro Scanio: “Piantare alberi è lezione di civiltà. Roma Ecologista da una lezione a tutti”.

Condividi

Domenica pianta 4000 alberi con Bianchi, Raggi, Di Battista e Sermonti e ne regala 1000 alle scuole per festa degli alberi del 4 ottobre. Hanno raccolto 5000 euro e li hanno destinati ad alberi, ecco perché li sostengo“.

Alfonso Pecoraro Scanio da Ministro dell’agricoltura reintrodusse nel 2000 la festa degli alberi nelle scuole nei giorni 4 ottobre e 21 marzo. Alla vigilia della festa di quest’anno ringrazia la lista Roma Ecologista per l’evento organizzato per domenica 26 settembre.

Roma, il Grande Raccordo Boschivo: una muraglia verde per combattere il cambiamento climatico

“Tutte le liste e i candidati dovrebbero prendere esempio da Roma Ecologista. Non hanno solo un albero nel simbolo ma con la tenacia dell’esperto Onu Lapo Sermonti, uno dei capilista, hanno raccolto 5000 euro e li hanno usati per comprare alberi e attrezzature e iniziare a creare il Grande Raccordo Boschivo, una cintura verde per Roma“.
Dichiara Alfonso Pecoraro Scanio che aggiunge: “Sarò felice di essere con Alessandro Bianchi, Virginia Raggi, Alessandro Di Battista e tanti altri per piantate alberi autoctoni. È un bel modo per avviarci verso la festa degli alberi nelle scuole del 4 ottobre e Roma Ecologista ha anche messo a disposizione 1000 piantine per le scuole che chiederanno“.

Roma Ecologista a favore di Roma Expo2030: ora la città è pronta

Saranno a disposizione tante specie utili a migliorare aria e clima nella capitale.
-Alberature: Lecci (Quercus Ilex), Acero Campestre (Acer Campestre) Olmi (Ulmus Minor), Ornielli (Fraxinus ornus), Ontani (Alnus glutinosa), Salici (Salix alba).
-Arbustive: Prugnolo (Prunus spinosa), Biancospino (Crataegus monogyna), Ginestra (Calicotome spinosa), Rosa Canina (Rosa canina), Corbezzolo (Arbutus unedo).

(Visited 30 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago