Breaking News

GP MALESIA. RIMONTA VETTEL ARRIVA 4°. VINCE VERSTAPPEN. HAMILTON 2°

Condividi

Di Giammarco Spirito

Sebastian Vettel parte in ultima fila e dà vita ad una spettacolare rimonta al Gran Premio della Malesia, riuscendo ad agganciare il quarto posto. Vince Verstappen, secondo Hamilton, terzo Ricciardo che resiste all’arrembaggio di Vettel. Raikkonen neanche parte per rottura del motore nel giro di prova.

La grande prova di Vettel non nasconde la grande delusione Ferrari per tutto quanto è avvenuto in Malesia.

Troppi i problemi, le difficoltà, gli errori, così come troppi i punti di distacco che Sebastian Vettel si ritrova ora a dover recuperare suLewis Hamilton che adesso può amministrare un vantaggio di 34 punti in cinque gare.

La domenica per la Rossa era cominciata come era finito il sabato. Cioè con un imprevedibile guasto al motore di Kimi Raikkonen. Dopo il giro di prova, il finlandese contattava il box annunciando di non avere potenza alla sua Sf70H. Dalla griglia la macchina è stata spinta nel garage ma non è stata sistemata in tempo e non ha preso parte al Gp.

Quindi partenza al massimo della jella: Vettel in ultima fila e Raikkonen addirittura nel box.

Dopo ci sarà la grande prova di orgoglio di Vettel che sfiorerà il podio, respinto di poco da Ricciardo, e nella bagarre toccherà Strooll, con possibili penalità al Gp di Giappone.

Insomma un Gp di Malesia più jellato che mai!

 

(Visited 101 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago