PoliticaTerritorio

Governo, primo obiettivo “green new deal”. Gualtieri: “Via dal deficit investimenti verdi”

Condividi

Il ministro dell’Economia Roberto Gualtieri, a margine della riunione dell’Eurogruppo a Helsinki, sottolinea: “Investimenti verdi scorporati dal calcolo del deficit strutturale”.

“Noi pensiamo che uno dei segni di questo governo è che l’Italia torna ad essere protagonista in Europa, a svolgere il ruolo che le spetta come grande Paese fondatore”. Lo sottolinea il ministro dell’Economia Roberto Gualtieri, a margine della riunione dell’Eurogruppo a Helsinki.

Governo, nominati i sottosegretari: 21 M5s, 18 Dem, 2 Leu, 1 Maie

In un’intervista su Repubblica, il nuovo ministro dell’Economia, Roberto Gualtieri pone l’accento su un punto su cui il nuovo esecutivo ha intenzione di andare avanti fin da subito: quello di un Green New Deal, convincendo l’Europa a scorporare gli investimenti italiani in materia ambientale dal calcolo del deficit: “Sosteniamo l’idea di un Green New Deal presente nel programma del governo e della Commissione fondato su unpiano straordinario di investimenti pubblici e privati. In questo quadro – afferma Gualtierisarebbe opportuno che la quota di finanziamenti nazionali ricevesse un trattamento diverso da quello attuale e venisse scorporata dal calcolo del deficit strutturale”.

Ceta e Ogm, l’apertura del ministro Bellanova va contro la transizione ecologica del Governo

La manovra 2020 e lo scorporo dal deficit degli investimenti verdi, comunque, “sono due questioni diverse – puntualizza – Una è la discussione della manovra e uno è il più grande processo di riforma, approfondimento, completamento dell’Unione monetaria che naturalmente ha tempi diversi, quindi sono due piani diversi”. E sulle altre riforme economiche: “La flat tax è archiviata, mentre Quota 100 andrà a esaurimento”.

Governo, pronta la svolta green. Costa: “‘Subito decreto su cambiamenti climatici”

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago