Home Good News Crisi energetica, il governo sblocca 314 MW di impianti rinnovabili

Crisi energetica, il governo sblocca 314 MW di impianti rinnovabili

governo sblocca impianti rinnovabili

Il consiglio dei ministri ha dato l’ok a otto progetti tra impianti eolici, geotermici e fotovoltaici: “C’è compatibilità ambientale”

La crisi energetica che sta attanagliando l’Europa si combatte anche a suon di investimenti nelle energie rinnovabili. Da ieri sera otto dei tanti progetti di impianti energetici rinnovabili fermi a causa della burocrazia sono stati sbloccati. 

Il consiglio dei ministri, infatti, ha dato l’ok a otto progetti tra impianti eolici, geotermici e fotovoltaici per 314 MW complessivi. In tutti e otto i casi, il governo ha deciso di imprimere una svolta velocizzando i tempi necessari per ricevere la consueta VIA, cioè la Valutazione di Impatto Ambientale necessaria per poter costruire gli impianti e che spesso tiene fermi i progetti sui tavoli dei ministeri.

Questa velocizzazione è stata possibile grazie a una norma contenuta nel cosiddetto Decreto Aiuti del maggio scorso che semplifica i procedimenti autorizzativi di impianti elettrici alimentati a fonti rinnovabili. In particolare prevedendo che eventuali deliberazioni ad hoc del Consiglio dei Ministri sostituiscono completamente la VIA.

Dove sorgeranno i nuovi impianti energetici?

È il Sud a beneficiare maggiormente dello sblocco dei nuovi progetti. Infatti ben cinque di essi riguardano impianti che sorgeranno tra Puglia e Basilicata. Gli altri tre sorgeranno, invece, in Toscana.

Ecco quali sono gli otto nuovi impianti energetici rinnovabili che hanno ricevuto l’ok dal governo:

  1. impianto eolico da 72,8 MW nei comuni di San Mauro Forte, Salandra e Garaguso (MT);
  2. impianto eolico  da 31,35 MW nei comuni di San Paolo di Civitate e Poggio Imperiale (FG);
  3. impianto eolico “Serra Palino” da 48 MW nei comuni di Sant’Agata di Puglia e Candela (FG);
  4. impianto eolico “Venusia”  da 36 MW nei comuni di Venosa e Maschito (PZ);
  5. impianto agri-ovi-fotovoltaico “Copertino” da 60 MW nei comuni di Copertino e Galatina (LE);
  6. permesso di ricerca finalizzato all’impianto pilota geotermico “Cortolla” da 5 MWe nel comune di Montecatini Val di Cecina (PI);
  7. proroga del termine di validità del provvedimento di valutazione di impatto ambientale per la realizzazione dell’impianto eolico da 55,8 MW nei comuni di Muro Lucano, Bella e Balvano (PZ);
  8. impianto pilota geotermico “Castelnuovo” da 5 MWe nel comune di Castelnuovo Val di Cecina (PI).
Previous articleLa rivoluzione green delle nuove generazioni, Fondazione Cariplo sostiene ChangemakerXchange
Next articleSudafrica, cinque orche assassine sbranano uno squalo bianco. Il video