Italpress

Governo, Letta “Esperienza positiva, ora avanti con le riforme”

Condividi

ROMA (ITALPRESS) – “L’esperienza di Governo è molto positiva, adesso bisogna fare le riforme a partire da quella della giustizia e del fisco, meno punitivo per le classi medio basse e che implichi una maggiore fedeltà fiscale. Poi le semplificazioni: il decreto il Governo lo ha fatto e mi sembra vada nella direzione giusta”. Così il segretario del Pd Enrico Letta, ospite a Mattino 5. In merito alle polemiche per una dittatura sanitaria, ha aggiunto: “Sono regole seguite in tutta Europa che hanno salvato tante vite, guardiamo al futuro e all’estate. Sono polemiche stucchevoli, guardiamo al futuro con ottimismo”. Sulla scelta di limitare a sei i commensali che possono sedere a un tavolo del ristorante al chiuso, per Letta “è una scelta comprensibile quella che il Governo ha fatto, era la migliore da fare e così le riaperture saranno irreversibili”.
Infine, per il segretario del Pd il referendum sulla giustizia è “uno strumento sbagliato: in Italia sono abrogativi e perchè abbia successo deve votare il 50% degli italiani. E’ uno strumento solo per fare lotta e dibattito politico. Il Pd vuole fare la riforma della giustizia e ci fidiamo della ministra Cartabia e di Draghi. Siamo molto d’accordo con le proposte di Cartabia. A Salvini preferisco Cartabia”.
(ITALPRESS).

(Visited 11 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago