Attualità

GOOGLE WAYMO, NASCE IL TAXI SENZA PILOTA. ACCORDO CON FCA PER MIGLIAIA DI AUTO CHRYSLER PACIFICA

Condividi

Google Waymo. In arrivo il taxi senza tassista. A lanciare le Chrysler Pacifica, innovazione nel mondo dell’automobilistica senza pilota, è la divisione di auto autonome Waymo di Google. È il terzo accordo tra la regina del Web e la Fca, casa produttrice dell’automobile del futuro. Accordi partiti nel 2016, con la fornitura a Waymo di 100 Pacifica ibride e di ulteriori 500 unità nel 2017.

Oggi, i due pilastri della nuova industria rinnovano la partnership che punta ad aprire le porte ad una nuova era con “l’ultimo segnale in ordine temporale del nostro impegno verso questa tecnologia”, lo definisce Sergio Marchionne, amministratore delegato di Fca.

L’auto del nuovo millennio permette di viaggiare in completa autonomia, senza guidatore. Ma non solo, l’azienda produttrice ha fatto di più. “I minivan Pacifica ibridi offrono interni versatili e una corsa confortevole. Gli ulteriori veicoli ordinati ci consentiranno di crescere” ha affermato l’amministratore delegato di Waymo, John Krafcik che è pronto per dare il via al progetto taxi senza pilota. E l’inaugurazione è prevista a Phoneix proprio nel 2018.

I test della divisione di Google sulla tecnologia delle Pacifica, avviati a novembre scorso, hanno dato esito positivo nelle 25 città americane di prova, comprese Atlanta, San Francisco, Metro Detroit, Phoenix e Kirkland. Pacifica è la prima auto ad aggiudicarsi l’autonomia livello 4, la più alta oggi per gli autoveicoli, nella classifica dell’americana Society of Automotive Engineers.

I “veicoli più avanzati su strada ad oggi” avanzano anche nella Borsa di New York, portando la Fca a guadagnare il 37% da inizio 2018 e circa il 121% negli ultimi 12 mesi. Un balzo da capogiro se confrontato con i guadagni di General Motors, pari al 5% da inizio anno al 16% nei 12 mesi e ancor più con Ford, crollata dell’11% nel nuovo anno e in discesa libera anche da gennaio scorso.

(Visited 198 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago