Two Golden Globes statues flank the podium prior to the nominations for 75th annual Golden Globe Awards at the Beverly Hilton hotel on Monday, Dec. 11, 2017, in Beverly Hills, Calif. The 75th annual Golden Globe Awards will be held on Sunday, Jan. 7, 2018. (Photo by Chris Pizzello/Invision/AP)

Di Marcello Righi

Los Angeles. Luci e sfavillio al Beverly Hilton hotel per la 75.ma edizione dei GoldenGlobe che incorona Tre manifesti a Ebbing, Missouri miglior film dell’anno, e regala l’incredibile soddisfazione a Gary Oldman del successo, prevedibile ma incerto fino all’ultimo, per la sua sua strepitosa interpretazione di Winston Churchill nel film L’ora più difficile che racconta le fasi drammatiche dell’aggressione della Germania nazista alla Gran Bretagna e a Londra nei primi mesi della Seconda guerra mondiale.

Bocciato invece Luca Guadagnino col suo Chiamami col tuo nome.

Il lungo monologo dell’attore Seth Myers ha aperto la manifestazione, molte le sue battute sulla vicenda di molestie che ha travolto Hollywood e il suo guru Harvey Weinstein, ma il clima di festa è comunque rimasto e alla fine ha prevalso

Miglior attrice a Frances Mcdormand, musa dei film dei fratelli Coen, e che vince il prestigioso premio sempre per il thriller Tre manifesti a Ebbing, Missouri del regista e drammaturgo inglese  Martin McDonagh che si assicura anche il premio per l’attore  non protagonista con Sam Rockwell e per la miglior sceneggiatura.

Premio alla regia a Guillermo del Toro per  la Forma dell’acqua. Il regista come al solito divertente eera visibilmente emozionato, e ha infilato un lungo discorso di ringraziamento e quando lo avvertono che sta allungandosi troopo, si guarda intorno e molla: “Ragazzi ho impiegato e faticato tanto di quel tempo per salire su questo palco, concedetemi qualche minuto in più!”.

Il film  di Greta Gerwig Lady Bird vince come miglior commedia dell’anno e migliore attrice protagonista, Saoirse Ronan.

James Franco ha vinto come miglior attore protagonista di una commedia per il suo The disaster Artist.

Miglior film straniero al tedesco In The fade e conseguente bocciatura totale per Chiamami con il tuo nome di Luca Guadagnino che rimane a mani vuote.

La serata è stata anche all’insegna di una protesta  silenziosa ma molto evidente sulle vicende legate a Weinstein e alle tante denunce di molestie sessuali. Tutte le attrici e quasi tutti gli attori erano tutti vestite in nero per quella che è stata chiamata Time Up, il tempo è scaduto

 

Articolo precedenteCALCIOMERCATO, INTER SOGNO DE VRIJ E MILINKOVIC. DERBY ITALIANO PER DEULOFEU
Articolo successivoSCARPA D’ORO 2017/2018, LA CLASSIFICA DEI MIGLIORI BOMBER D’EUROPA