ClimaEventiVideo

Global citizen live, il concerto-maratona di 24 ore per “difendere il pianeta”

Condividi

Global Citizen Live, il mega concerto di 24 ore fra Parigi, New York, Londra, Rio de Janeiro, Seul e altre città per accrescere la consapevolezza delle persone sui cambiamenti climatici, per un accesso equo ai vaccini anti-Covid e per la fine della fame nel mondo.

Global citizen live, il concerto-maratona di 24 ore nelle capitali di tutto il globo organizzata per “difendere il pianeta” aumentando la consapevolezza delle persone sui cambiamenti climatici, per un accesso equo ai vaccini anti-Covid e per la fine della fame nel mondo.

“Gli artisti si esibiscono in sei continenti dando così un contributo nella richiesta ai governi, alle grandi aziende e ai filantropi di lavorare insieme per difendere il pianeta“, spiega l’Ong Global Citizen. 

All’evento partecipano, fra gli altri, Elton John, i Bts, Billie Eilish e i Coldplay, i Metallica e Stevie Wonder. L’Italia e’ rappresentata da Andrea Bocelli, ma anche dai giovanissimi e ormai inarrestabili Maneskin. Global Citizen ha l’obiettivo di far piantare un miliardo di alberi e di far avere un miliardo di vaccini ai Paesi piu’ poveri.

Le nuove generazioni “si faranno una semplice domanda: perché i loro genitori non hanno agito prima per fermare i cambiamenti climatici?” ha detto il presidente del Consiglio Mario Draghi, tra i leader che hanno voluto lasciare un messaggio. Anche Ursula von der Leyen, presidente della Comissione Ue, dal palco del concerto di Parigi aveva annunciato che l’Europa “nei prossimi mesi darà altri 500 milioni di dosi di vaccino anti-Covid, dopo gli 800 milioni già donati, ai Paesi più vulnerabili perché per sconfiggere questa pandemia bisogna vaccinare il mondo intero“.

Anche il presidente francese Emmanuel Macron ha annunciato un invio di 120 milioni di dosi ai Paesi poveri. Anche alcune aziende private hanno anticipato che doneranno fondi per iniziative legati agli obiettivi della manifestazione organizzata 36 anni dopo lo storico Live aid.

A infuocare la platea di Parigi, anche gli italianissimi Maneskin, tra i più acclamati dalle migliaia di ragazzi giunti a Champ-de-Mars per seguire il nuovo live che unisce in un unico filo di musica e impegno Londra, New York, Johannesburg, Mumbai, Buenos Aires e Seul prima della riunione del G20 di Roma del 30 e 31 ottobre. Damiano e la sua rock band hanno dominato il palco per oltre venti minuti, scatenati e magnetici, chiudendo con “Zitti e buoni” cantata in italiano in mondovisione.

Dalla Toscana si collegherà Andrea Bocelli, e prima di lui hanno suonato Elton John, Ed Sheeran, i Black Eyed Peas, Ange’lique Kidjo e Femi Kuti. Dagli Usa si alternano i Coldplay, Billie Eilish, Camila Cabello, Jennifer Lopez, Shawn Mendes, Cyndi Lauper, Stevie Wonder e Lang Lang. La kermesse è stata aperta da una reunion dei Fugees e da alcune hit di Lauryn Hill. 

(Visited 36 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago