Politica

GLOBAL FOOD FORUM, CENTINAIO: “ASSE ITALIA – FRANCIA SU PAC E QUALITA’ “

Condividi

Global Food Forum. Si chiude oggi a Pavia il Global Food Forum 2018, il Forum mondiale dell’alimentazione promosso da think tank “Farm Europe” in partnership con Confagricoltura e presieduto da Massimiliano Giansanti.

Dal 2016, ogni anno, l’evento internazionale si tiene in Italia e – spiega Confagricoltura – ha coinvolto importanti responsabili politici ed economici di tutta l’Unione europea per riflettere assieme e sviluppare una visione comune sul futuro delle politiche agricole ed alimentari.

Le conclusioni e le raccomandazioni del Forum, saranno successivamente presentate al Parlamento europeo.
Tra gli interventi di apertura del Forum, quelle del Ministro delle Politiche Agricole e del Turismo Gian Marco Centinaio,  del ministro dell’Agricoltura di Francia Stéphane Travert e dell’ex primo ministro della Romania e commissario UE per l’Agricoltura Dacian Ciolos.
”Vogliamo tutelare l’agricoltura, le aziende agricole, il consumatore, senza populismi e senza demagogia. E ve lo dice un rappresentante di un partito che è stato marcato come populista” – ha detto il Ministro Centinaio.

”La Pac a nostro parere – ha spiegato poi – non sta andando nella direzione che chiede l’agricoltura, che vede una prospettiva di tagli importante nel futuro del suo bilancio agricolo europeo. Noi abbiamo già dato. Noi – ha poi aggiunto Centinaio – vogliamo tutelare i nostri agricoltori da Bolzano a Lampedusa. Sul fronte dell’etichettatura poi, l’Italia non intende fare marcia indietro”.

Per far crescere il settore, secondo il Ministro delle Politiche Agricole, ”dovremmo apportare una maggiore vitalità delle nostre aree rurali, anche attraverso un grande rapporto tra agricoltura e turismo”.

Nella lunga lista degli interventi da fare ci sono anche misure per la semplificazione in agricoltura e per la riduzione dei costi amministrativi.

“Basta pensare – ha sottolineato Centinaio – che ogni agricoltori italiano paga 7.200 euro l’anno per spese di burocrazia”.
Dal Global Foot Forum – ha concluso Centinaio – scaturiranno degli spunti di riflessione dove potremmo confrontarci per capire dove vuole andare l’agricoltura e dove vuole andare l’industria agroalimentare, per cercare di portare risposte a tutta la filiera e al consumatore finale per noi anche importante.

Il Forum è stata anche occasione per il Ministro Centinaio per un faccia a faccia con l’omologo francese, Stephane Travert

“Abbiamo degli ottimi rapporti e stiamo lavorando insieme in quanto l’agricoltura italiana e quella francese sono agricolture di qualità – ha detto Centinaio – in un momento in cui si parla di riforma della Pac ma anche di tagli al bilancio Ue, bisogna fare lobby tra colleghi e tutelare settori che non sono uguali ma simili.

Al termine dell’incontro, il ministro ha confermato ”la coalizione con la Francia per il sostegno degli agricoltori italiani e francesi e della volontà di allineare sulle nostre posizioni anche gli altri Partner Ue”.

In particolare, per quello che riguarda la riforma della Pac, l’obiettivo ”è di andare il più possibile a tempi lunghi”, per questo ha parlato con il collega Travert sulla necessità di ragionare sull’introduzione di misure transitorie che non devono penalizzare l’agricoltura. A tal fine i tecnici italiani e francesi lavoreranno insieme per mettere sul tavolo documenti ufficiali”.

(Visited 63 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago