Salute

Glifosato presente nel tè Twinings: azienda sotto accusa negli USA

Condividi

La Organic Consumers Association (OCA) ha citato in giudizio Twinings North America, per l’etichettatura, la commercializzazione e la vendita ingannevole dei prodotti Twinings Tea of ​​London: nei campioni di tè sono stati riscontrati residui di glifosato.

Sotto accusa è finita la linea dei tè verdi Twinings.  “Nessun consumatore ragionevole che legga le parole” puro “e” ingredienti naturali al 100% “, sia sulla confezione del tè che nelle altre comunicazioni pubblicitarie o di marketing, si aspetterebbe che tali prodotti contengono residui di glifosato, un sintetico erbicidi e insetticidi innaturali”, ha dichiarato Ronnie Cummins, cofondatrice dell’OCA e direttore internazionale.

Glifosato, Merkel: “Non ha futuro”. Continua la crisi della tedesca Bayer

I test condotti da un laboratorio indipendente utilizzando la spettrometria di massa mediante cromatografia liquida hanno rivelato che la quantità di livelli di glifosato nei campioni di tè Twinings può arrivare fino a 0,332 milligrammi per chilogrammo. Il glifosato è stato classificato nel marzo 2015 dall’Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro dell’Organizzazione mondiale della sanità come “probabile sostanza cancerogena per l’uomo”.

Glifosato, basta pesticidi: dipendenti comunali abbandonano posto di lavoro

I test hanno anche rivelato i residui di due insetticidi sintetici: tiaclopride, un neonicotinoide; e bifenthrin, un piretroide. Entrambe le sostanze chimiche sono note neurotossine.

Secondo l’associazione dei consumatori, che ha citato in giudizio l’azienda, le comunicazioni commerciali di quest’ultima stanno ingannando i consumatori mentre l’azienda aumenta le proprie vendite e ricavi.

Glifosato, l’Austria conferma la messa al bando totale

(Visited 254 times, 2 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago