Territorio

GLIFOSATO, VIETATA IN FRANCIA LA VENDITA DEL ROUNDUP DELLA MONSANTO

Condividi

Glifosato.  Il Tribunale amministrativo di Lione ha annullato l’autorizzazione alla messa in commercio del Roundup Pro 360 della Monsanto in Francia.

I giudici francesi hanno valutato che l’Anses, l’Agenzia nazionale di sicurezza sanitaria e dell’alimentazione, dell’ambiente e del lavoro ha commesso “un errore di apprezzamento con riferimento al principio di precauzione”, autorizzando la messa in commercio di questa variante del RoundUp a marzo del 2017.

Nonostante l’approvazione da parte dell’Unione europea della sostanza attiva (glifosato) fino al 2021, la Corte di Lione ha riscontrato che studi scientifici ed esperimenti sugli animali dimostrano che Roundup Pro 360, scrive Générations Futures, Ong francese che da anni si batte contro il glifosato, “una preparazione con una tossicità più elevata del glifosato, è potenzialmente cancerogeno per l’uomo, sospettato di essere tossico per la riproduzione umana e particolarmente tossico per gli organismi acquatici”. Ha concluso che l’uso di Roundup Pro 360 è un danno ambientale che potrebbe avere un gravi effetti  sulla salute umana. “Chiediamo che Ansens – conclude la Ong – prenda in considerazione tutte le formulazioni di glifosato e annulli le autorizzazioni alla vendita”.

La decisione ha effetto immediato. Certamente, Monsanto e Anses potranno appellarsi ma di fatto la sentenza crea un precedente importante che in futuro influenzerà altre decisioni.

TUTTA LA VERITA’ SULLA PASTA ITALIANA. QUALI I MARCHI MIGLIORI E SENZA GLIFOSATO

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago