AnimaliRoma

Giustizia per i cinghiali di Roma, la manifestazione a Piazza del Popolo per fare luce su quanto accaduto

Condividi

Sabato 24 ottobre si è tenuta in piazza del Popolo “Giustizia per i cinghiali di Roma”, una manifestazione per chiedere di far luce su quanto è accaduto alla mamma ed ai suoi cuccioli uccisi in modo ignobile e violento lo scorso 16 ottobre. 

Dopo quanto accaduto la notte tra venerdì 16 e sabato 17 ottobre nella Capitale, chiediamo giustizia per la mattanza dei cinghiali che sta avvenendo nella capitale ma soprattutto per la mamma ed i suoi cuccioli uccisi in modo ignobile e violento. Pretendiamo spiegazioni dai responsabili di questa cruenta soppressione avvenuta nel parchetto di Mario Moderni, in via della Cava Aurelia“, si legge sull’evento lanciato sulla pagina Facebook di Animalisti Italiani. 

Francia, stop ai circhi con animali selvatici. Oipa: “È ora di cambiare anche in Italia”

EVENTO FACEBOOK

Un episodio gravissimo come questo non può passare sotto silenzio e vanno subito chiarite dinamiche e responsabilità. Non è possibile che la soluzione al problema della fauna selvatica che arriva nei centri abitati debba essere l’uccisione degli animali: bisogna utilizzare i metodi alternativi già previsti dalla normativa vigente e sperimentati in alcune aree del Paese.

Per questo sabato 24 ottobre dalle ore 14:30 in piazza del Popolo attivisti e volontari di diverse associazioni, anche tutti i cittadini che sono rimasti indignati per le direttive istituzionali, hanno manifestato per chiedere di “fare luce su questa pagina infausta e trovare concretamente soluzioni alternative, per preservare la vita dei cinghiali.
Lo grideremo a gran voce affinché non si ripeta in futuro questa ingiustificata carneficina“.

Animali, l’elefante più solo al mondo potrà finalmente trovare nuovi amici

Come associazione nazionale abbiamo dato immediatamente mandato ai nostri legali di denunciare la Regione Lazio, il Comune di Roma e i suoi responsabili – si legge sul sito di Animalisti italianiRicordiamo che il 27 settembre scorso la Giunta di Roma Capitale, guidata da Virginia Raggi, ha approvato la delibera contenente lo schema di protocollo d’intesa con Regione Lazio e Città Metropolitana per il “contenimento” dei cinghiali che prevede tre piani d’azione: cattura con teleanestesia e conseguente eutanasia del cinghiale; cattura con trappola e conseguente conferimento vivo ad una ditta incaricata per l’allevamento alimentare (le aziende agricole scelte dalla Regione Lazio per il conferimento dei cinghiali vivi sono due, una a Viterbo ed una a Cerveteri); l’abbattimento con arma da fuoco. Ennesima prova di un’irresponsabile strategia del massacro questa deliberazione che altro non è che una caccia selvaggia autorizzata senza nessun limite alle uccisioni.
Insisteremo anche su tale scellerata delibera che presenta chiari elementi di illegittimità.

 

(Visited 70 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago