Giro d’Italia. Otto brevi “tappe” per raccontare, in immagini e parole, tutte le qualità della plastica. Corepla, il Consorzio nazionale per la Raccolta, il Riciclo e il Recupero degli imballaggi in plastica, è protagonista al Giro d’Italia 2020 con una mini serie di 8 ritratti video di 2 minuti circa che descrivono le peculiarità che fanno della plastica, se correttamente raccolta e riciclata, un materiale perfettamente in linea con i principi della sostenibilità ambientale.

Resiliente perché capace di resistere a sollecitazioni di ogni natura, leggera per pesare meno sull’ambiente, riciclabile per rinascere sempre a nuova vita, innovativa per adeguarsi ad ogni esigenza, economica per venire incontro ai consumatori, sicura per difenderci da germi e conservare il valore nutrizionale dei prodotti, versatile per utilizzi sempre più multiformi e sostenibile perché riutilizzabile all’infinito e riciclabile.

Anche le 8 pillole video hanno come filo conduttore le due ruote su cui si muove il protagonista, immerso in contesti paesaggistici che richiamano, al contempo, la bellezza del nostro Paese e l’importanza di rispettare una risorsa fondamentale come l’ambiente muovendosi in modo sostenibile e utilizzando la plastica nel pieno rispetto delle regole di raccolta e riciclo.

I primi episodi della mini-serie, ideata da Corepla con la regia di Yuri Palma, sono già stati messi in onda nel corso delle quotidiane dirette di tappa, mentre i restanti video saranno trasmessi il 22 e il 23 in anteprima in testa alla trasmissione “Il Giro in Diretta” delle 14.00 su Rai2 e in replica su RaiSport alle 20.00 .

Lo stretto legame tra aria inquinata, consegne a domicilio e rifiuti plastici

Quando, dopo il traguardo di Milano, verrà proclamato il vincitore di questa edizione del Giro, le pillole saranno disponibili sul canale YouTube di Corepla.

“Con la produzione degli otto video, così come attraverso ogni altra iniziativa che ha caratterizzato questa avventura al fianco del Giro d’Italia, abbiamo voluto riaffermare quanto la presenza diffusa degli imballaggi in plastica nella quotidianità di ognuno di noi sia compatibile con i principi della salvaguardia ambientale – afferma Giorgio Quagliuolo, Presidente di Corepla –  sempre che ci sia il responsabile contributo di tutti nell’aderire a poche e semplici regole di corretto conferimento e riciclo di questa prezioso materiale”.

Articolo precedente”L’uomo che inventò la bioeconomia”, il libro che racconta l’integrazione tra chimica e agricoltura
Articolo successivoMicroplastiche in grosse quantità nei remoti mari polari. Lo studio