giorgio riva giro elba nuoto inquinamento marino

Il nuotatore e istruttore lombardo, 35 anni, pronto a compiere l’impresa ecologista dal 23 al 27 maggio.

Un giro dell’isola d’Elba a nuoto, in solitaria, per un totale di 110 chilometri in cinque giorni. Una vera e propria impresa sportiva, ma dalla fortissima valenza ecologista, quella pianificata da Giorgio Riva, nuotatore e istruttore di Carate Brianza. L’obiettivo del 35enne, infatti, è accendere i riflettori sull’inquinamento marino, specialmente per quanto riguarda le microplastiche.

Dal 23 al 27 maggio, Giorgio Riva circumnavigherà a nuoto l’Elba, in cinque diverse tappe. Il nuotatore, particolarmente legato all’isola, qui aveva conosciuto Matteo Galeazzi, fondatore di Refill-Now, un progetto che punta a limitare le bottiglie di plastica e che, grazie a una piattaforma collegata alle borracce tramite QR Code, geolocalizza e condivide i punti di acqua potabile.

Proprio l’incontro tra i due è stato l’occasione per un confronto e per ideare questa iniziativa. “Voglio valorizzare le bellezze dell’Elba e provare a far riflettere sull’importanza di salvaguardare i nostri mari e la natura che li circonda e li popola” – ha spiegato Giorgio Riva – “Vogliamo rendere il più possibile visibile questo messaggio, sensibilizzando le persone a questa importante tematica ambientale“.

In media, Giorgio Riva percorrerà 20 chilometri al giorno per cinque giorni e sarà seguito a distanza da alcune imbarcazioni e dai kayak di mare di Sea Kayak Italy. L’evento vede anche la collaborazione di Visit Elba, Hotel Belmare di Patresi e Leganbiente Arcipelago Toscano.

Articolo precedenteClima, l’allarme: “Entro il 2026 l’anno più caldo di sempre”
Articolo successivoEurovision 2022, la canzone su ambiente e dieta vegetariana è fuori