Clima

Giornata Mondiale dell’Ambiente 2020, è l’ora della Natura

Condividi

Il 5 giugno si celebra la Giornata Mondiale dell’Ambiente. Quest’anno il tema scelto è “It’s Time for Nature” per sottolineare che la natura è il supporto della vita sulla Terra. Per l’occasione sulla pagina Facebook di TeleAmbiente una maratona di video e contributi per tutto il giorno. Ecco il programma.

Il 5 giugno si celebra ogni anno la Giornata Mondiale dell’Ambiente (World Environment Day), promossa dalle Nazioni Unite fin dal 1972 con lo scopo di sensibilizzare l’opinione pubblica sui problemi ambientali e favorire l’attenzione e, quindi, l’azione dei Governi.

Ambiente, la petizione #RipartiamoSenzaMonouso ha già raggiunto quota 42mila firme

La data fu scelta per ricordare la prima Conferenza delle Nazioni Unite sull’Ambiente, tenutasi dal 5 al 16 giugno 1972 a Stoccolma, nel corso della quale venne adottata la Dichiarazione che definì i 26 principi sui diritti dell’ambiente e le responsabilità dell’uomo per la sua salvaguardia.

Il tema scelto per quest’anno “È l’ora della Natura” (It’s Time for Nature) è incentrato sul ruolo della natura nel fornire l’infrastruttura essenziale a supporto della vita sulla Terra e dello sviluppo umano. I cibi che mangiamo, l’aria che respiriamo, l’acqua che beviamo e ilclima che rende il nostro Pianeta abitabile provengono tutti dalla natura.Tuttavia, in questi tempi eccezionali che stiamo vivendo a seguito della pandemia di Covid-19 la natura ci sta inviando un messaggio: per aver cura di noi stessi dobbiamo prenderci cura della natura.

Mare, Minambiente avvia gara Ue per servizio antinquinamento esteso a plastica galleggiante

Per l’occasione sulla pagina Facebook di TeleAmbiente una giornata dedicata a video, interventi per festeggiare questa ricorrenza e ricordare come ogni giorno sia fondamentale tutelare il nostro ambiente, la nostra Terra.

Il Rapporto dell’UNEP (Programma delle Nazioni Unite per l’Ambiente) “Innovative solutions for environmental challenges  and sustainable consumption” stima che il valore dei servizi ecosistemici persi tra il 1995 e il 2011 ammonti da 4.000 a 20.000 miliardi di dollari, dimostrando come le attuali  pratiche agricole stiano esercitando una crescente pressione sull’ambiente con costi che si aggirano attorno a 3.000 miliardi l’anno, mentre quelli correlati all’inquinamento sono stimati in 4.600 miliardi all’anno.

 

La Colombia è il Paese ospitante della Giornata Mondiale dell’Ambiente 2020 dove si svolgeranno gli eventi ufficiali, ma che anche in questo caso subiranno delle modifiche, con interventi in video Conferenza.

Un ‘Sentiero dei Parchi’ come il cammino di Santiago, accordo tra il Minambiente e il Cai

La scelta della Colombia è stata determinata dal fatto che è uno dei Paesi del mondo dalla maggiore biodiversità, con quasi il 10% della biodiversità del Pianeta, al 1° posto per le specie di uccelli e orchideacee e al 2° posto per piante, farfalle, pesci d’acqua dolce e anfibi. Il Paese, inoltre, ha diverse aree di elevata biodiversità nell’ambito degli ecosistemi andini, con una significativa varietà di specie endemiche. Rientra nel suo territorio anche parte della foresta pluviale amazzonica e l’importante area biogeografica del Chocó, un’area forestale equatoriale che si estende nel parte nord-occidentale del Paese che si affaccia sul Pacifico fino al confine con Panama sulla costa del Mar dei Caraibi.

(Visited 235 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago